accedi | registrati | 25-5-2019

GMG, la prima giornata di formazione dei giovani calabresi

Catechesi dal benzinaio, alla ricerca del vero rifornimento

Sui fatti di Francia: «la testimonianza dell'Amore ci invita vincere l'odio»

di Davide Imeneo 28/07/2016

Da Cracovia - La catechesi itinerante dei giovani calabresi è stata scandita da tre tappe. La prima, vissuta nelle singole parrocchie in cui i pellegrini sono ospitati, è stata un vero e proprio momento di preghiera. I giovani, raggruppati per diocesi, hanno pregato le lodi ed hanno ascoltato la lettura di una breve parte dell'omelia di Papa Francesco pronunciata durante la domenica della Misericordia dello scorso anno: “È il tempo per la Chiesa di ritrovare il senso della missione che il Signore le ha affidato: essere segno e strumento di Misericordia”. Da questo invito del Papa scaturisce la seconda tappa della Catechesi, vissuta in modo itinerante, tra la gente, sui mezzi pubblici, nelle strade: non si può essere “segni e strumenti di Misericordia” se prima di tutto non si è riconciliati. Il primo passo della riconciliazione è l'esame di coscienza. Proprio per questo i pellegrini calabresi sono stati invitati a fare un esame di coscienza “a coppia”, il confronto con l'altro spesso aiuta a conoscere meglio se stessi. L'esame è consistito in una riflessione su tre macro-domande: quali sono le mie mancanze nei confronti di Dio, nei confronti del prossimo e nei confronti di me stesso? La terza tappa si è svolta presso un rifornitore di carburante. Una scelta emblematica: in un luogo in cui tutti passano senza fermarsi, i giovani calabresi hanno sostato per fare un “rifornimento” che non si esaurisce. Così, convenuti dalle diverse zone della periferia di Cracovia, hanno ascoltato la Catechesi di Mons. Francesco Savino, vescovo di Cassano e delegato per la Pastorale Giovanile. Il presule si è soffermato sulla parola “stupore”, emblema della prima giornata della GMG e possibile stile di vita per il giovane cristiano. Facendo riferimento all'attentato francese di martedì, Savino ha invitato i giovani a “svegliarsi”: “non possiamo far finta che non sia successo nulla, ma con la testimonianza dell'amore di Cristo, che ci invita ad amare i nostri nemici, vinciamo l'odio”. Infine un appello ai giovani: “potete scegliere come vivere questa GMG se come pellegrini, nomadi o mendicanti. Spero che ciascuno si riconosca mendicante, consapevole delle proprie povertà. È l'incontro con Cristo, che ci ama di un amore incondizionato e asimmetrico, che arricchisce la nostra vita”.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative