accedi | registrati | 21-8-2019

Operazioni di sbarco: tre dei migranti sono ustionati, ma non in modo grave

Reggio, 645 arrivano al porto. A bordo la salma di una donna

di Redazione Web 28/03/2017

È arrivata nel porto di Reggio Calabria la nave “Acquarius” di Medici senza frontiere con a bordo 645 degli oltre 1.900 profughi recuperati nel Mediterraneo centrale. Sulla nave anche il cadavere di una donna, morta, presumibilmente, per schiacciamento nel gommone sul quale viaggiava. Iniziate le operazioni di sbarco. Tra i primi ad essere soccorsi tre ustionati, non gravi. Altri quattro presentano broncopatie di varia natura, mentre un uomo è stato portato in ospedale per problemi colonna vertebrale. Tanti i casi di pediculosi e scabbia. Il gruppo di migranti è composto da 401 uomini, 52 donne e 192 minori, molti non accompagnati provenienti da Banglasdesh, Benin, Camerun, Eritrea, Etiopia, Gambia,Ghana, Guinea Conakri, Guinea Bissau, Costa D’Avorio, Liberia, Libia, Mali, Marocco, Niger, Nigeria, Senegal, Sierra Leone, Somalia, e Sudan. Duecento di loro sono destinati all’hot spot di Taranto, in Puglia, 150 in Lombardia, 125 in Emilia Romagna, 125 in Campania e 45 nel Lazio.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative