accedi | registrati | 16-12-2018

Grande festa al Santuario della Madonna delle Grazie di Pezzo, la Santa Messa è stata presieduta dall'Arcivescovo Morosini

Don Angelo Licari, da 60 anni ministro di Dio

di Redazione Web 03/08/2016

Il 15 Luglio 2016 alle ore 18:30, presso il santuario dedicato alla Madonna delle Grazie di Pezzo – Villa San Giovanni, intorno all’altare del Signore, si è festeggiato il 60° anno di sacerdozio di Don Angelo Licari. Ha presieduto la celebrazione Eucaristica mons. Giuseppe Fiorini Morosini, Arcivescovo di Reggio Calabria, insieme all'Arcivescovo emerito mons. Vittorio Mondello e a circa 20 sacerdoti e diaconi delle diverse parrocchie. Banchi pieni e gente in piedi fino alle scale della porta della Chiesa, parenti, amici, parrocchiani provenienti dalla stessa comunità di Pezzo, da San Carlo di Condofuri, da Gallina, da Fiumara, autorità civili, sindaco e vice-sindaco di Fiumara e Villa San Giovanni: tutti a testimoniare l’amorevole e consono servizio di don Angelo. La funzione è stata aperta da un lungo applauso e forte commozione dei presenti e soprattutto dello stesso Sacerdote. Toccante e pieno d’affetto è stato il ringraziamento del messaggio iniziale da parte di Aldo Loiero, ministrante della comunità di Pezzo, il quale afferma: “Ringraziamo Dio ogni giorno per averci mandato don Angelo, portatore di fede e di infinita gioia”. L’eloquenza della celebrazione è stata poi coronata dalle parole del Pastore della Diocesi: “Angelo, il nome che porti è termine che esprime bene la persona che sei: messaggero, inviato da Dio, colui che porta la Buona Novella” e continua porgendo a don Angelo i suoi migliori auguri affinché possa continuare ad essere quello stesso “angelo” che è stato fino ad ora. Prima della Benedizione finale prende la parola il festeggiato: “Mi travolge in questo momento, è non è retorica la mia, una segreta e profonda commozione: Signore, se nascessi 100 volte e 100 volte mi chiamassi, sarei felice di donarmi a te”. Il racconto di 60 anni di sacerdozio coinvolge i presenti scaturendo una sincera e forte emozione. Conclude, don Licari, affermando: “dopo il tributo di lode al Signore con tutta l’anima, riaffermo la mia devozione alla Santa Chiesa che mi è madre e a Papa Francesco, Cristo visibile sulla terra”. A conclusione il ringraziamento ed augurio da parte del sindaco di Fiumara e Villa San Giovanni, dai rappresentanti delle varie parrocchie presenti, dal parroco don Salvatore Barreca, compresi i familiari: “Grazie don Angelo per essere stato padre-amico-fratello-parroco-guida spirituale-insegnante-educatore-pastore, colui che ha portato la gioia del Cristo Risorto, colui che ha dato prova del suo coraggio vincendo nella perseveranza del bene. Bello poter dire a voce sempre più alta che il tuo sacerdozio rispecchia chiaramente le parole ribadite da papa Francesco quando afferma: «mi commuovono quei preti che per tutta la vita sono al servizio del prossimo, che rappresentano in pieno la gioia della Chiesa, perché purtroppo ne esistono tanti che invece al posto di servire si servono degli altri per acquisire lusso e prestigio; la Chiesa deve sempre parlare con la verità e con la testimonianza della povertà lontana dal pericolo della corruzione». Don Angelo ha pienamente vissuto il forte spirito di sacrificio e di completa dedizione al suo mandato, dimostrato alloggiando, durante i primi 18 anni di sacerdozio, nella canonica in affitto di San Carlo: una baracca di sole due stanze, e per 37 anni nella casa canonica di Gallina dove le bacinelle non bastavano quando veniva giù la pioggia. Grazie don Angelo, sei il nostro “angelo” e auguri di cuore!

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative