accedi | registrati | 20-3-2019

Gli artifici finanziari sarebbero stati effettuati grazie alla collaborazione della Banca Widiba

Fincalabra, fondi europei giocati in borsa? Indaga la Finanza

di Federico Minniti 01/06/2017

Indagati i vertici di Fincalabra, ente in house della Regione Calabria istituito a sostegno del sistema produttivo regionale, e della Banca Widiba (Gruppo Monte dei Paschi di Siena). Avrebbero distratto fondi comunitari, tra l'agosto e il novembre 2015.
Secondo l’accusa avrebbero indebitamente utilizzato l’ingente somma (quasi 46 milioni) per l’acquisto di variegati strumenti finanziari sia nazionali che esteri, connotati da altissimo rischio e volatilità, provocando in tal modo un ammanco nelle casse regionali di quasi 2 milioni di euro.
Gli accertamenti della Guardia di Finanza riguardano le posizioni di Luca Mannarino, presidente pro-tempore di Fincalabra, gli ex-consiglieri di amministrazione Pio Turano e Martino Marcello e i dirigenti di Banca Widiba, Francesco Candelieri e Mario Galassini.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative