accedi | registrati | 23-5-2019

Succede nel reparto di Oculistica del Tiberio Evoli di Melito Porto Salvo

L'ospedale che «andava chiuso» salva la vista un giovane migrante

di Redazione Web 05/06/2017

C'è un ospedale, quello di Melito Porto Salvo (Reggio Calabria) che da diversi anni oscilla tra la chiusura irreversibile e l'erogazione “a singhiozzo” dei servizi. Eppure il “Tiberio Evoli” è strategicamente un avamposto sanitario che negli anni – soprattutto nei decenni tra il 1980 e il 2000 – è stato polo d'eccellenza. Una delle peculiarità positiva che è rimasta immutata è quella del reparto di Oculistica del nosocomio. E in quella corsia si è ritrovato un minore straniero non accompagnato ospite della casa accoglienza “Il Buon Samaritano” di Montebello Jonico, sempre nel reggino. Il suo arrivo in Italia fu attraverso un'imbarcazione di fortuna, sbarcata il giorno di Pasqua, partita dalle coste libiche. Proprio a Tripoli il giovane subendo delle percosse ha perso l'uso dell'occhio sinistro. Pochi giorni fa l'intervento chirurgico al “Tiberio Evoli”: i medici, Giuseppe Zuccarelli e Vincenzo Florio, hanno ritenuto indispensabile intervenire per prevenire la cecità del minore della Guinea del Sud. Infatti, il rischio di contagio per simpatizzazione dell'occhio sano, quello destro, era altissima. Un'operazione perfettamente riuscita che ha permesso al ragazzo di rivedere con i suoi occhi la luce del sole di Calabria.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative