accedi | registrati | 19-11-2017

"Non volevo ucciderlo, ma dargli una lezione perché mi maltrattava"

Agguato fallito, confessa il figlio della vittima

di Redazione Web 06/06/2017

È stato il figlio sedicenne, che ha confessato, a sparare contro l'uomo di 41 anni ferito in un agguato domenica sera a Vibo Valentia. La svolta è maturata dopo che il ragazzo si è recato nella caserma dei carabinieri per rilasciare dichiarazioni spontanee. Assistito dal suo legale il ragazzo ha riferito di aver sparato al padre perché questi maltrattava lui e sua madre. E ha aggiunto di non volerlo uccidere, bensì solo dargli un avvertimento che lo rimettesse sulla "giusta" via. In precedenza il 41enne e la madre erano stati sentiti dagli investigatori che avevano sequestrato i telefoni cellulari per effettuare verifiche sulle chiamate o messaggi ricevuti nell'imminenza dell'agguato. Nonostante la gravità del reato che gli viene contestato (tentato omicidio, mentre la difesa ha chiesto la minaccia aggravata), la Procura minorile di Catanzaro ha ritenuto di non emettere alcuna misura restrittiva nei confronti del 16enne che potrà difendersi dalle accuse restando libero.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative