accedi | registrati | 25-9-2017

Dopo baciamano a boss. Oliva: inchinarsi ai clan rende schiavi

San Luca, stop cresime agli adulti

di Toni Mira 07/06/2017

«Inchinarsi al potere umano, e ancor più al potere mafioso, rende schiavi ed uccide la speranza. Torniamo al Signore con una fede autentica che non scende a compromessi col male». Lo scrive il vescovo di Locri-Gerace, monsignor Francesco Oliva in una lettera «ai fedeli delle parrocchie di San Luca» chiedendo di «dedicare una giornata di penitenza e di digiuno con momenti di riflessione e di preghiera mercoledì 21 giugno». In tale giornata, avverte il vescovo, «sarà sospesa la prevista amministrazione delle Cresime agli adulti».

Una decisione forte e inedita, legata al recente baciamano al boss Giuseppe Giorgi catturato dopo 23 anni di latitanza («Il credente si inchina solo a Dio», è la ferma affermazione del vescovo), ma anche alla mancata presentazione di liste per le elezioni comunali di domenica, dopo un lungo commissariamento per infiltrazione mafiosa. Ieri l’autore del baciamano Antonio Vottari ha chiesto scusa al paese e alle istituzioni dal Tg regionale della Calabria, dicendo che voleva solo salutare un amico fraterno che non vedeva da 20 anni (ma le immagini non dicono questo). Però il vescovo non mette sotto accusa l’intera comunità del comune aspromontano, purtroppo famoso per il potere della ’ndrangheta.

«Ve lo chiedo – spiega infatti Oliva –, sapendo che non tutti siete colpevoli di certi gesti e che i figli non possono pagare le colpe dei genitori. Insieme, però, siamo chiamati a farci carico delle debolezze e fragilità dei nostri fratelli. Le loro ferite arrecano danno a tutti». Per questo, aggiunge, «a voi, come comunità credente, chiedo, altresì, di espiare il peccato di quei fedeli che sono sulla via del male. Insieme pregate il Signore, perché vi liberi da ogni forma di 'soggezione psicologica' verso chi vi vuole tenere sottomessi al suo potere. Anche la Madre di Dio vi vuole figli liberi e coraggiosi». E qui il vescovo fa un ulteriore importante riferimento. Un vero appello ai fedeli sanluchesi e non solo. «Non permettete ad alcuno che vi rubi e si appropri della vostra devozione alla Madonna della Montagna di Polsi alla quale siete tanto legati: essa è inconciliabile con la ’ndrangheta, con il malaffare e lo spargimento di sangue ». Un chiaro riferimento ai vertici mafiosi che si tenevano nell’area del famoso e venerato santuario.

Non solo preoccupazioni, però, nelle parole del vescovo. Oliva, infatti, inizia la sua lettera ricordando le «belle manifestazioni che hanno mostrato all’attenzione generale il volto positivo di questa comunità espresso in quello di tanti ragazzi e giovani, che si vedevano assegnata una struttura sportiva al termine del mandato amministrativo del Commissario prefettizio dottor Salvatore Gullì. Era il volto più bello di una comunità che aveva saputo rispondere alla sua azione amministrativa ». E questo, sottolinea Oliva, «aveva dato speranza e futuro alla comunità e soprattutto dimostrato che San Luca è una cittadina che è possibile amministrare ed i suoi cittadini sono disponibili a rispettare le regole della convivenza civile». Un messaggio «positivo e di speranza». Ma poi arrivano i due fatti sui quali il vescovo intende «richiamare l’attenzione».

Il primo è la mancata presentazione delle liste elettorali. Secondo il vescovo, malgrado l’ottimo lavoro del commissario, «è necessario che riprendiate in mano le vostre sorti politiche e amministrative secondo le regole democratiche. Non dobbiamo dimenticare che 'lo Stato siamo noi' e che ogni buona amministrazione dipende dalla coscienza civile di ognuno di voi». La seconda considerazione è strettamente legata. «La vera fede non tollera alcuna forma di connivenza con il male. Non è possibile essere cristiani appartenendo ad associazioni di stampo ndranghetista. Ed è mafiosa ogni forma di illegalità, di collusione, di arroganza e prepotenza, di corruzione, ogni traffico illecito, spaccio di droga, usura e sfruttamento dell’ambiente». Ma, insiste il vescovo, «anche i silenzi omertosi uccidono il futuro della comunità e la speranza dei giovani», ed è dunque «assurdo pensare ad un futuro attraverso il malaffare, i traffici illeciti ed ogni altra forma di illegalità». Così a tutti chiede «un sussulto di umanità ed una conversione sincera alla vera fede ». E a chi si inchina ai boss ricorda il Primo comandamento 'Io sono il Signore, tuo Dio, non avrai altri dei di fronte a me'. «Ciò – conclude Oliva – esclude ogni forma di idolatria del denaro e del potere mafioso. Questa è la via che il vero credente è chiamato a seguire. Questa è la verità che rende liberi ».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative