accedi | registrati | 27-5-2019

Atto di comprensione della volontà popolare da parte di Franco Arcidiaco

Sant'Antonio, passo indietro del Comune: «Sarà intitolata al Santo»

di Redazione Web 18/06/2017

Piazzale Sant'Antonio, il Comune fa un passo indietro. È stata, infatti, sospesa la cerimonia di intitolazione dell'agorà dinnanzi al Santuario di Sant'Antonio a Reggio Calabria che - secondo le intenzioni della Commissione Toponomastica di Palazzo San Giorgio - sarebbe dovuta essere intitolata alla memoria di Eunice Kennedy Shriver, fondatrice di Special Olympics, programma sportivo internazionale dedicato agli atleti con disabilità intellettiva.

Una scelta di valore certamente, ma che non è stata debitamente calmierata. Almeno secondo quelle che sono le tradizioni di migliaia di fedeli orionini che da tutta Italia visitano il Santuario di Sant'Antonio. Da questo assunto - legato alla tradizione anche e soprattutto delle famiglie reggine - l'idea di un sit-in di protesta (leggi quì di più sulle motivazioni).  

«Vogliamo precisare che non abbiamo nessuna remora verso Eunice Kennedy e la sua testimonianza di servizio ai più fragili - ha detto don Domenico Crucitti, parroco del Santuario di Sant'Antonio - ma vogliamo "difendere" uno spazio vissuto come sosta storica dinnanzi ad un luogo di spiritualità amato e rispettato della nostra città». Una posizione chiara che è stata condivisa dai fedeli del quartiere scesi nella "loro" piazza Sant'Antonio.

A trovare una sintesi è stato Franco Arcidiaco, delegato alla Cultura del Sindaco di Reggio Calabria, che ascoltando i cittadini ha deciso per la sospensione del momento celebrativo. Un atto di comprensione, ma anche di riflessione amministrativa. «In primo luogo dovremmo, attraverso una delibera di Giunta, intitolare la via principale a don Orione e la piazza a Sant'Antonio - ha specificato Arcidiaco - credo, vista la grandezza degli spazi, che possa coesistere anche il ricordo di Eunice Kennedy».

Una proposta di senso che ha trovato apprezzamento tra i presenti. Nella mattinata, padre Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo di Reggio Calabria - Bova, aveva incontrato i rappresentanti delle associazioni ispirate dalla stessa Kennedì, per porgere loro il propri plauso per le attività volte alle inclusione sociale delle fasce più deboli della società. 

Il video è stato curato dai colleghi di CalabriaPost.net

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative