accedi | registrati | 20-11-2017

Spiritualità e preghiera

L’estate arricchita dalla fraternità

L’Azione Cattolica propone diverse iniziative per il periodo estivo

di Erminia Foti 24/06/2017

Estate per tutti è sinonimo di tranquillità, di riposo, di un periodo utile a ricaricare le batterie per poter ripartire nel modo giusto al rientro dalle ferie. Per un socio di Azione cattolica è, invece, molto di più. La stagione estiva diventa occasione per ritornare all’essenziale, per riassaporare, senza gli affanni del quotidiano, la propria relazione con Dio e con l’altro. Per questo l’Ac diocesana offre ogni anno la possibilità di partecipare ai campi estivi in cui poter vivere giorni significativi presso il soggiorno “San Paolo” di Cucullaro, immersi nel verde e nel silenzio.

Sulla scia dei festeggiamenti dei 150 anni di storia associativa il consiglio diocesano ha pensato di proporre tre appuntamenti imperdibili: i due campi per i ragazzi dell’Acr e per i giovanissimi – rispettivamente dal 19 al 23 e dal 23 al 27 luglio – e un terzo campo esclusivamente per i formatori che si terrà dal 27 al 30 luglio, dedicato sia a chi svolge il servizio educativo già tempo sia a chi è stato chiamato da poco a servire la Chiesa attraverso l’associazione. Perché stare in Ac significa vivere la sfida bella di ac- compagnare la Chiesa nella quotidianità continuando a formarci: senza la formazione, infatti, non può emergere quella passione educativa capace di contagiare tutte le persone che ci sono state affidate.

Ed è proprio la parola «passione» che scandirà il ritmo di tutti i campi, perché è la parola che ci ha ricordato il papa a piazza San Pietro chiedendoci di trasformare l’Azione cattolica in «passione cattolica», perché essa è ciò che ci spinge a vivere non giocando al ribasso con la propria fede. Una passione che ha portato due giovani, Fani e Acquaderni, a pensare in grande, a scommettere su questo sogno che negli anni si è colorato di tanti volti che hanno scelto lo stile dell’associazione per camminare verso la santità. E questo stile poi si concretizza nelle decisioni che l’associazione deve prendere durante il triennio: per questo si è scelto di ridurre il numero di giorni di campo, pur garantendo la stessa qualità della proposta formativa, per abbattere i costi essendo consapevoli che solo così l’associazione può essere segno di vicinanza alle esigenze dei soci. Ciò permetterà a tutti di poter partecipare, così da sperimentare in modo ancora più significativo quella popolarità che da sempre ci contraddistingue.

Tanti appuntamenti da segnare in agenda, dunque, ma non è finita qui! Anche l’Ac nazionale ha pensato ad alcuni incontri per poter vivere un’esperienza di confronto tra le varie diocesi dello stivale, con alcune novità: i campi del Msac e del settore giovani, infatti, saranno due: ad Anagni dal 23 al 27 luglio, a Fognano dal 4 al 7 agosto, in modo da coinvolgere molte più diocesi rispetto agli anni precedenti. Anche per l’Acr sono stati pensati due appuntamenti, il primo rivolto ai membri di équipe diocesani dal 29 luglio al 2 e il secondo per i responsabili e gli incaricati dal 4 all’8 agosto. Il settore adulti invece propone vari weekend formativi distribuiti durante i mesi estivi, ognuno con una tematica specifica: si parlerà di spiritualità, arte e migrazioni anche attraverso percorsi esperienziali; il Mlac, invece, attende dal 2 al 6 agosto a Trento per discutere assieme di alcuni temi caldi del mondo dei lavoratori. Un’estate densa che fa riflettere su quanto l’Ac si prenda cura dei suoi soci e scommetta sulla formazione. I soci di Ac si rinnovano nella fede e ripercorrono le tappe della loro storia

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative