accedi | registrati | 18-9-2019

Catturato tra Joppolo e Nicotera dal battaglione Cacciatori di Calabria

Torna in carcere il boss-ingegnere dei Mancuso

di Redazione Web 29/06/2017

I carabinieri hanno arrestato il presunto boss della 'ndrangheta Pantaleone Mancuso, di 56 anni, soprannominato "l'ingegnere", esponente di spicco dell'omonima cosca, latitante da oltre un anno. Mancuso é stato individuato in una zona di campagna nella frazione montana di Nicotera, nel vibonese. L'arresto é stato eseguito dai militari di Joppolo e Nicotera e del battaglione "Cacciatori". Il presunto boss deve scontare un residuo di pena di un anno per una condanna comminatagli alcuni anni fa in un processo per 'ndrangheta.

Pantaleone Mancuso - in precedenza catturato da latitante al confine fra Argentina e Brasile e poi estradato in Italia - è stato arrestato a Joppolo, nel Vibonese. Ha in corso un processo che lo vede accusato di tentato omicidio ai danni della zia, Romana Mancuso, e del cugino, Giovanni Rizzo, sparati nel 2008 al culmine di contrasti interni al casato mafioso dei Mancuso di Limbadi, fra i piu' potenti dell'intera 'ndrangheta calabrese. Al termine del processo "Genesi", Pantaleone Mancuso è stato condannato a 6 anni di reclusione per associazione mafiosa, è in corso il processo di secondo grado.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative