accedi | registrati | 23-5-2019

La Guardia di Finanza di Sibari ha svelato l'illecito che ha provocato un ingente danno erariale

Falsi braccianti, denunciati 484 soggetti nel cosentino

di Redazione Web 30/06/2017

Il Gruppo di Sibari della Guardia di finanza ha scoperto 484 falsi braccianti agricoli, per oltre 40.000 false giornate di lavoro agricolo, e con un danno all'erario quantificato in oltre un milione e 600 mila euro, tra indennità erogate e contributi non versati. Denunciato per truffa e falsità in atti un imprenditore e segnalati anche i lavoratori fantasma.
   

Il sistema di frode, secondo quanto emerso dalle indagini, si sviluppava attraverso la sottoscrizione di un contratto di locazione su un terreno agricolo (risultato in realtà concesso in locazione ad altro imprenditore) e la proroga del medesimo contratto attraverso la falsificazione della durata, che permetteva di continuare a denunciare all'Inps l'utilizzo dei falsi braccianti agricoli. I lavoratori, anche se inesistenti, avrebbero incassato oltre un milione e 300 mila euro tra assegni familiari, malattia e maternità e disoccupazione. L'Inps ha già avviato le procedure di recupero delle somme indebitamente erogate.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative