accedi | registrati | 19-1-2020

Nota del sindacato che parla di un'azione che va nella giusta direzione

Codice Antimafia, la Cgil approva la nuova normativa

di Redazione Web 07/07/2017

"Ci saremmo aspettati dalla politica maggiore coraggio, coerenza e rigore. Tuttavia, consapevoli degli attacchi sferrati in queste ore dentro e fuori il Parlamento che hanno messo a rischio l'approvazione del testo, giudichiamo i contenuti della riforma un passo importante che va nella giusta direzione". Con queste parole il segretario confederale della Cgil Giuseppe Massafra commenta il via libera del Senato alla riforma del Codice Antimafia. Per il dirigente sindacale "aver esteso ai corrotti, seppure relativamente ai reati commessi in associazione, le misure di prevenzione previste per i mafiosi, significa riconoscere la stretta connessione tra mafia e corruzione. Un avanzamento utile per provare a contrastare con maggiore efficacia il fenomeno corruttivo, che come ha rilevato oggi il Presidente dell'Anac Cantone, e' in continua ascesa e mina alla radice le prospettive dell'Italia". "Il provvedimento inoltre- aggiunge Massafra- consolida il quadro normativo sulla gestione dei beni sequestrati e confiscati, riducendo posizioni di rendita che, invece di riconsegnarli alla collettivita', li portavano al fallimento". "Rispetto al testo uscito dalla Camera vi e' qualche arretramento- sottolinea- ad esempio l'operativita' territoriale nella gestione dei beni, ma se c'e' la volonta' si puo' recuperare nella fase di applicazione della legge. La formalizzazione di due sedi dell'Agenzia, quella centrale a Roma e l'altra secondaria a Reggio Calabria, non impedisce che in fase di attuazione organizzativa l'ANBSC decida di mantenere un articolato presidio territoriale. Come ci dice la legge Rognoni-La Torre e come ci insegna l'esperienza maturata in questi anni, parliamo di un caposaldo fondamentale per togliere alle mafie quel controllo sociale del territorio di cui si fanno forti". Secondo il segretario confederale della Cgil quindi "c'e' ancora molta strada da fare, ma adesso abbiamo uno strumento legislativo piu' forte che puo' fare la differenza". "In ogni caso e' tempo di mettere un punto fermo e di approvare alla Camera in via definitiva questa riforma attesa da cinque anni, da quando - ricorda - ci siamo messi in cammino con Libera, Avviso Pubblico, Arci, Centro Studi Pio La Torre, Sos impresa e Acli, raccogliendo le firme per la legge di iniziativa popolare 'Io Riattivo il Lavoro', che insieme al prezioso operato della Commissione Parlamentare Antimafia ha ispirato questo difficile percorso".

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative