accedi | registrati | 22-11-2017

Fiamme gialle, sequestrate 335 piante di canapa indiana

Il controvalore sul mercato degli stupefacenti sarebbe stato di un milione e trecentomila euro.

di Saveria Maria Gigliotti 10/08/2017

Piantine di Canapa sequestrate a Vibo

Un milione e trecentomila euro. Questo il valore stimato, se lavorate ed immesse sul mercato, di oltre 335 piante di canapa indiana, già pronte per essere raccolte, scoperte e sequestrate nel comprensorio dei comuni di Sorianello, Pizzoni e Gerocarne, dai finanzieri del reparto operativo aeronavale e della compagnia della guardia di finanza di Vibo Valentia con l’ausilio di un elicottero della sezione aerea delle fiamme gialle di Lamezia Terme

Le piante, per un peso complessivo di venti quintali e suddivise in quattro piantagioni di “Cannabis indica” e “Skunk” allocate su una vasta area demaniale, avevano già raggiunto un’altezza media di un metro e ottanta ed erano dotate di autonomi sistemi di irrigazione.

Fondamentale per la scoperta è stata l’abilità dei piloti della guardia di finanza e la loro capacità di osservazione che ha consentito, durante la perlustrazione aerea dell’aspro territorio montano, di individuare le piantagioni, nonostante il tentativo di nasconderle tra i folti arbusti e la fitta vegetazione con l’intento di renderne difficile l’individuazione dall’alto e pressoché impossibile l’accesso da terra.

Una volta individuati i campi, da terra si sono mossi i finanzieri che, non senza difficoltà, hanno tentato di raggiungere le piantagioni. In questo ostacolati anche da un improvviso incendio, di probabile origine dolosa, divampato tra la boscaglia nelle vicinanze di due delle coltivazioni, che, controllato in un primo momento dagli stessi finanzieri, è stato poi spento da una squadra del servizio antincendio boschivo della Regione Calabria.

Su disposizione della procura della Repubblica di Vibo Valentia, le piante, gli impianti di irrigazione e le vasche di raccolta acque sono state distrutte dalle fiamme gialle che ora stanno indagando per tentare di identificare i responsabili delle coltivazioni.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative