accedi | registrati | 26-9-2017

L'appello del presule Satriano: «Rendere la gente protagonista»

“La nostra gente – dichiara il vescovo di Rossano – ha bisogno di credere in un futuro migliore” e “ha uno struggente bisogno di sentirsi protagonista nel costruire un domani possibile e non più fatalmente vittima di giochi di potere”

di Redazione Web 12/08/2017

Il vescovo di Rossano, Giuseppe Satriano “Non lasciamoci tentare dall’autoreferenzialità del potere o dalla voglia di imbonire le coscienze con facili, inutili e dannose promesse. La nostra gente ha bisogno di cuore, ha bisogno di persone che ci credano e ci mettano il cuore, rischiando in prima persona”. È quanto scrive l’arcivescovo di Rossano-Cariati, mons. Giuseppe Satriano, in una lettera ai sindaci di Rossano e Corigliano per la festa diocesana dell’Achiropita. “La nostra gente – prosegue – ha bisogno di credere in un futuro migliore” e “ha uno struggente bisogno di sentirsi protagonista nel costruire un domani possibile e non più fatalmente vittima di giochi di potere”. In un tempo in cui si parla molto di “conurbazione”, mons. Satriano rileva che è un “tema delicato che merita di essere considerato e analizzato dalla nostra gente con attenzione e pieno coinvolgimento”.
“Anche se l’argomento è sul tavolo da tempo – prosegue – esso permane ancora appannaggio di pochi specialisti, spesso interessati e non attenti ai bisogni di una popolazione sempre più costretta a fare i conti con una crisi economica, i cui effetti devastanti sono fortemente presenti nel nostro territorio”.
L’arcivescovo ricorda di aver sempre sostenuto l’idea che le due città più grandi della “nostra realtà territoriale – Rossano e Corigliano – potessero imparare a camminare insieme per meglio valorizzare le numerose risorse di questo spazio di Calabria, e realizzare percorsi di speranza per la nostra gente”.
“Credo, però – spiega – che prima di provare a camminare insieme bisogna cercare spazi di condivisione, di solidarietà, sapendo costruire opportunità di confronto perché tale progetto non rimanga nelle mani di alcuni ma diventi occasione di protagonismo per la nostra gente. So bene quanto sia difficile mettersi insieme, ma è questa l’unica strada per uscire dalle nostre ferite e dai drammi che sin da troppo tempo affliggono questo meraviglioso giardino che è la nostra terra”.
"In un tempo in cui la storia vi chiama a mettere insieme le forze per stringervi con decisione intorno alla scelta di condividere un percorso”, secondo l’arcivescovo “non ci può essere improvvisazione e superficialità” ma “l’obbligo morale oltre che il dovere civico, di adoperarsi, ciascuno con le proprie competenze, a che si realizzino opportunità di vita capaci di alleggerire il peso insostenibile di un ‘disastro sociale’ sempre più alle porte”. Guardando alla “bellezza” che “trasuda dalla nostra gente – aggiunge – credo fermamente che gli strumenti per ben operare in tal senso esistano ed è necessario che ci sia una seria volontà a utilizzarli, scegliendo come metodo la fondamentale e imprescindibile via del dialogo e del confronto, rifuggendo da logiche personalistiche, faziose e divisorie”. “Alzare muri, come la storia ci insegna, porta inesorabilmente a non compiere azioni per il bene comune”, ammonisce. “Negli ultimi tempi – prosegue – il nostro territorio e voi istituzioni avete offerto un mirabile esempio di dialogo e di lungimiranza, avviando un percorso che credo debba continuare. Questo ritrovarsi, dialogare e progettare può minacciare gli interessi di chi non guarda con simpatia ad una realtà che tende a far uscire la testa dal sacco e vuole segnare un nuovo capitolo nella storia della Calabria”. Da qui l’invito “a non dismettere le armi della fiducia e del confronto, che intendo serio e non demagogico. In questo processo si può e si deve stabilire una misura alta, che è quella della partecipazione educata e attiva di una cittadinanza, che non deve rimanere alla finestra a guardare ma che, a iniziare dalle fasce più giovani, dev’essere coinvolta nei percorsi di elaborazione creativa del futuro”. Satriano conclude scusandosi se ha “osato disturbare ma spero che il vostro cuore, come il mio, rimanga inquieto, in questo meritato tempo di riposo”.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative