accedi | registrati | 22-11-2017

Secondo gli inquirenti potrebbe essere stata un'azione degli affiliati alla cosca

Santini Madonna di Polsi 'omaggiano' casa del boss Pesce

di Redazione Web 04/09/2017

Alcune immagini della Madonna della Montagna, di cui si è celebrata ieri la festa nel santuario di Polsi, sono state trovate affisse, a Rosarno, davanti l'abitazione di Giuseppa Bonarrigo, novantenne madre di alcuni boss della cosca Pesce, una delle più potenti della 'ndrangheta. Le immagini sono state affisse sul bandone di un supermercato chiuso da anni e riconducibile, secondo gli investigatori, agli stessi Pesce. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini. Gli investigatori non escludono che possa essere stato il gesto di qualcuno che ieri ha partecipato ai festeggiamenti al santuario di Polsi - luogo d'incontro, proprio in concomitanza della festa, delle cosche di 'ndrangheta - ed ha voluto poi "omaggiare" la famiglia Pesce.

Il Prefetto di Reggio Calabria, Michele Di Bari: Profondo sconcerto, gesto blasfemo.

In relazione all'affissione di alcune immagini della Madonna della Montagna a Rosarno, all'indomani delle celebrazioni avvenute a Polsi, non può che esprimersi profondo sconcerto, dura riprovazione ed incondizionata condanna per un gesto blasfemo che esige ogni urgente sforzo perché non è assolutamente tollerabile che la gestualità della 'ndrangheta possa lontanamente ripetersi. La sana devozione alla Madonna della Montagna è antinomica, contraria, opposta alla ritualità di qualsiasi organizzazione malavitosa e lo Stato anche in questo caso non mancherà di dare una risposta incisiva per l'affermazione della legalità.

Il sindaco di Rosarno, Giuseppe Idà: La Città ha voglia di voltare definitivamente pagina.

Se questa pista investigativa fosse confermata dalle indagini, saremmo in presenza di un gesto grave e da condannare con fermezza, soprattutto perché verificatosi in una Città che prova, con fatica, a risollevarsi e che ha voglia di voltare definitivamente pagina. Religione e crimine non possono stare insieme.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative