accedi | registrati | 20-11-2017

I dati diffusi dalla Camera di Commercio reggina indicano un crescente clima di fiducia

Economia, primi segnali di ripresa a Reggio: crescono le imprese

di Redazione Web 12/09/2017

Prosegue l’ampliamento della base imprenditoriale della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Il primo trimestre del 2017 si conclude con un aumento, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, di ben 589 imprese. La variazione, pari al +1,1%, è superiore alla media nazionale (+0,2%).

Anche considerando solo le imprese attive, il trend appare invariato: l’analisi nati-mortalità registra un aumento pari a ben 409 imprese, che consente di raggiungere il valore assoluto di oltre 44mila e quattrocento unità. Si tratta del valore più alto registrato negli ultimi dieci anni, in crescita ininterrotta a partire dal 2013.

«Gli ultimi dati provenienti dal Registro Imprese evidenziano un clima di fiducia crescente nel fare impresa - afferma Antonino Tramontana, Presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria. La ripresa in atto, seppur ancora debole, apre interessanti spiragli sul fronte degli investimenti, in particolare di quelli orientati all’innovazione, in grado di dare risposte adeguate al mercato che cambia rapidamente, con l’introduzione delle moderne tecnologie collegate ad Industria 4.0. L’economia del nostro territorio ha certamente bisogno di più imprese ma ha bisogno soprattutto di imprese di qualità, che sappiano adattarsi ai mutamenti ed innovare. In questa direzione, l’impegno della Camera di commercio è particolarmente rilevante sia in termini di contributi ed incentivi sia in termini di offerta di servizi innovativi».

Proprio la crescente competitività dei mercati sembra aver sollecitato gli imprenditori ad una maggior strutturazione organizzativa e finanziaria. Da molti anni, il trend in atto vede una sostituzione delle forme societarie più semplici a favore delle società di capitali. Il primo trimestre del 2017 conferma questa tendenza, con una variazione rispetto allo scorso anno estremamente positiva (+6,8%), frutto di un numero elevato di iscrizioni nel trimestre (189), cui si associa un basso tasso di cessazione (appena 32 imprese). Più società di capitali ma meno società di persone, ridottesi dell’1,6%, mentre le ditte individuali mostrano un andamento sostanzialmente stabile.

Anche le imprese giovanili e quelle straniere continuano a crescere di importanza. Le prime, grazie a un saldo positivo pari a 318 del primo trimestre del 2017, rappresentano ben il 13,4% del totale delle imprese ; anche le seconde crescono, sia pur con ritmi più ridotti ( con un saldo medio di 43 imprese).

L’analisi settoriale, infine, evidenzia comportamenti contrastanti. Il commercio (-108 imprese) così come la ristorazione (-30 imprese) soffrono del calo dei consumi interni; l’edilizia, stante una riduzione di 27 imprese durante il periodo considerato, non sembra ancor aver ristabilito un clima sufficiente di fiducia.

Ad ogni modo, guardando agli stock, appare evidente come siano il commercio al dettaglio (18.565 imprese; il 35,7% del totale) e l’agricoltura (7.752 imprese; il 14,9% del totale) i settori trainanti l’economia, con l’industria manifatturiera capace di esprimere appena il 7,4% delle forze imprenditoriali della Città metropolitana.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative