accedi | registrati | 15-11-2018

Analisi elaborata sui dati ufficiali del Ministero dei Trasporti, dei quasi 30 mila autobus in uso ad oggi

Autobus: in Calabria un quarto è senza revisione

di Redazione Web 27/03/2018

Secondo un’analisi elaborata sui dati ufficiali del Ministero dei Trasporti, dei quasi 30 mila autobus per il trasporto di persone destinati al cosiddetto servizio di noleggio con conducente e presenti nell’Archivio Nazionale dei Veicoli gestito dalla Motorizzazione, poco meno del 20 percento, esattamente il 18,62, risulta non in regola con la revisione.

Si tratta, complessivamente, di 5.482 mezzi: un numero decisamente importante, se si pensa che rientrano nella categoria quelli ad esempio utilizzati per le gite scolastiche degli alunni o per i tour turistici.

Il dato, peraltro, risulta di poco inferiore a quello rilevato solo qualche giorno fa e che ha calcolato come nel nostro Paese anche il 19,50% delle auto private non sarebbe in regola con la revisione.

Tanto nel caso delle vetture quanto in quello dei pullman, va detto però che una parte di entrambe potrebbero non essere più in uso e parcheggiati in rimessa, ma è pressoché impossibile conoscerne il numero preciso.

Tornando agli autobus da noleggio e analizzando il fenomeno in ottica regionale, se si guarda al rapporto percentuale è la Campania a vincere la maglia nera con quasi un terzo dei messi non in regola; seconda in classifica la nostra Calabria con il 26,51% (224 mezzi), e poi l’Umbria (25%).

Scorrendo la classifica nel verso opposto, invece, le regioni più virtuose in termini assoluti sono la Valle d’Aosta, dove sono solo 4 i bus non in regola, il Friuli Venezia Giulia (48 mezzi) e la Liguria (61 mezzi).

Quanto al rapporto percentuale, invece, dopo la Valle d’Aosta (solo il 4,76% non è in regola), si trovano il Trentino Alto Adige (7,28%) e il Piemonte (7,52%).

Il codice della strada (l’art. 80 in particolare) stabilisce che per i veicoli adibiti a noleggio con conducente la revisione deve essere disposta annualmente.

Il mancato rispetto della legge, oltre a comportare rischi in termini di sicurezza ed essere soggetto a multe, può avere delle ripercussioni anche dal punto di vista assicurativo; in caso di sinistro, la compagnia ha il diritto di rivalersi sull’assicurato.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative