accedi | registrati | 1-10-2020

Non usa giri di parole Papa Francesco per definire la gente che non è capace di cambiare vita e invece continua a proclamarsi cristiana

Papa Francesco: «Mafiosi e corrotti non possono dirsi cristiani»

di Redazione Web 28/03/2018

Mafiosi e corrotti non possono dirsi cristiani: portano la morte nell'anima e agli altri, hanno il cuore pieno di «putredine». Non usa giri di parole Papa Francesco per definire la gente che non è capace di cambiare vita e invece continua a proclamarsi cristiana. La Pasqua è proprio la festa che consente questa possibilità di rinnovarsi. Il pontefice ha tenuto oggi a piazza San Pietro l'udienza generale dedicata al Triduo pasquale che comincia domani, con la messa della Cena del Signore, prosegue venerdì con la memoria della passione e la via crucis, e si conclude sabato notte con la veglia pasquale. E Bergoglio ha annunciato che a San Pietro, durante la notte di Pasqua battezzerà otto adulti. Infine ha rimarcato come la Pasqua sia per i cristiani la festa più importante dell'anno, anche più del Natale. «Non finisce con uova e colombe», ha rimarcato.

Un mafioso dunque non può dirsi cristiano: «Pensiamo, per non andare lontano da casa, ai cosiddetti cristiani mafiosi: questi di cristiano non hanno nulla. Si dicono cristiani ma portano la morte nell'anima e agli altri. Preghiamo per loro», è stato l'invito del Papa. «Ci sono i cristiani finti, quelli che dicono 'Gesù è risorto, io sono stato giustificato da Gesù e sono nella vita nuovà ma poi vivono una vita corrotta. E questi cristiani finti finiranno male. Il cristiano è peccatore, tutti lo siamo, io lo sono, ma abbiamo la sicurezza del perdono. Il corrotto fa finta di essere una persona onorevole ma alla fine nel cuore c'è putredine».

Poi Francesco ha parlato della Pasqua che «non finisce con la colomba, con le uova, sì, è bello, in famiglia» ma con questa celebrazione «incomincia l'annuncio alla missione. L'annuncio è il nocciolo, è il 'kerygmà, una parola difficile ma che dice tutto». Pasqua per i cristiani è più importante di Natale, ha sottolineato ancora Francesco, perché «è la festa della nostra salvezza». «Poi viene pasquetta per celebrare questa festa un giorno in più, ma è post-liturgica, è una festa familiare», ha spiegato il Papa. Bergoglio ha poi raccontato che «in tanti Paesi c'è l'abitudine che, quando il giorno di Pasqua si ascoltano le campane, le mamme e le nonne portano i bambini a lavare gli occhi con l'acqua, segno di poter vedere le cose di Gesù, le cose nuove». Il Papa ha invitato a fare questo gesto ai bambini anche la prossima Pasqua, e ha aggiunto: «Lasciamoci in questa Pasqua lavarci l'anima, lavarci gli occhi dell'anima, per vedere e fare le cose belle».

Partecipa alla discussione

Esegui il login

Articoli Correlati

Papa: trovare la cura per i grandi virus umani e socioeconomici

30/09/2020 - Il Covid-19 “ha messo a nudo la grande disuguaglianza che regna del mondo: disuguaglianza di opportunità, di beni, di accesso alla sanità, alla tecnologia, all’educazione - milioni di bambini non possono andare a scuola - e così via”. Il Pontefice ha annunciato di aver firmato oggi una lettera apostolica su San Girolamo, nel sedicesimo centenario della morte. “Un esempio di un grande padre della Chiesa, che ha messo la Bibbia al centro della vita della Chiesa”

«Comunicare incontrando le persone come e dove sono»

30/09/2020 - In un tempo che ci obbliga alla distanza sociale a causa della pandemia, la comunicazione può rendere possibile la vicinanza necessaria per riconoscere ciò che è essenziale e comprendere davvero il senso delle cose. Non conosciamo la verità se non ne facciamo esperienza, se non incontriamo le persone, se non partecipiamo delle loro gioie e dei loro dolori. Il vecchio detto “Dio ti incontra dove sei” può essere una guida per coloro che sono impegnati nel lavoro dei media.

Il Papa in udienza: «Si ascoltano più i potenti che i deboli»

23/09/2020 - Il Pontefice, nella catechesi dell’udienza generale di oggi, pronunciata nel Cortile di San Damaso davanti a circa 500 fedeli attesta il fatto che ««per uscire migliori da una crisi, il principio di sussidiarietà dev’essere attuato, rispettando gli ultimi»

Tag

Papa Francesco Mafia Corruzione
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative