accedi | registrati | 14-8-2018

L'associazione dei Medici per i diritti umani sottolinea che per il quinto anno consecutivo l'emergenza permane

Tendopoli di San Ferdinando, il Medu: «Cambiato davvero poco»

di Redazione Web 29/05/2018

"Per il quinto anno consecutivo dobbiamo purtroppo constatare che sull'emergenza profughi e stagionali di San Ferdinando ben poco e cambiato". Lo ha detto Jennifer Locatelli, coordinatrice e autrice del Rapporto sulle condizioni di vita e di lavoro dei braccianti stranieri nella Piana di Gioia Tauro realizzato da Medu, Medici per i diritti umani. Il rapporto, presentato a Reggio Calabria, nasce dall'esperienza condotta negli ultimi cinque anni a favore dei lavoratori migranti. Sono 3. 500 le persone, distribuite in vari insediamenti e utilizzate come manodopera a basso costo dai produttori di arance, clementine e kiwi. La maggior parte si concentra a San Ferdinando dove permangono gravi carenze igienico sanitarie a livello abitativo e di sicurezza. "Nel lavoro - ha aggiunto Locatelli - se anche si registra un lieve incremento delle regolarizzazioni, che raggiunge appena il 30% del totale, non vengono sempre rispettati i più elementari diritti ed è spesso a rischio anche la stessa paga".

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative