accedi | registrati | 22-7-2018

Nuova segnalazione ai media di Patrizia Foti, segretario generale territoriale UILPA di Reggio Calabria

La denuncia della Uil: ancora emergenza negli uffici giudiziari

di Redazione Web 06/07/2018

Nulla di fatto per la situazione emergenziale degli uffici giudiziari del CEDIR, che versano, da tempo immemorabile, in una condizione di degrado sia dl punto di vista igienico che di sicurezza. Nuova denuncia di Patrizia Foti Segretario Generale Territoriale UILPA di Reggio Calabria. Sembra assurdo che proprio per la peculiarità dell’attività lavorativa che viene svolta dal personale giudiziario, nessuno si preoccupi di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori che, da tempo, sono costretti a vivere in una situazione di degrado e pericolo. A nulla sono valse le innumerevoli richieste inoltrate da questa Organizzazione Sindacale agli Organi preposti, al fine di sollecitare gli interventi necessari a risolvere le ataviche ed oramai incancrenite criticità. Lo stato di degrado è oramai al limite della decenza e nessuna attenzione particolare viene dedicata dagli Enti preposti, regolarmente investiti dai Capi degli Uffici Giudiziari, con numerose richieste e dettagliate relazioni che, puntualmente, rimangono inevase. Tutto ciò non è più sopportabile – tuona Foti – che ricorda come già dall’ottobre del 2015 la Uilpa, sostenuta dai lavoratori della Giustizia, proclamava lo stato di agitazione dinanzi a S.E. il Prefetto, evidenziando le gravi criticità in materia di sicurezza. Ad oggi poco è cambiato, nonostante le ampie rassicurazione ricevute, si continuano a registrare segnalazioni da parte dei lavoratori riguardo le estese disfunzioni del sistema di climatizzazione, sia presso le cancellerie che presso le aule di udienza, dove l’aria diventa irrespirabile. A tali complessità si aggiunge anche il deposito dei faldoni lungo i corridoi ed all’interno degli uffici che, anche a causa della mancata disinfestazione, implicano un’accentuata scarsità di igiene e salubrità degli ambienti. Le finestre sigillate per evitare che si ribaltino addosso a qualcuno, sono segno di un’ulteriore prevaricazione nei confronti dei lavoratori, costretti a lavorare, per parecchie ore, in ambienti insalubri e privi del necessario ricambio d’aria che, nel periodo estivo, può raggiungere temperature elevatissime a causa della struttura metallica e delle vetrate esposte al sole. Senza alcuna valutazione, un ambiente di circa 10 mq con un unico infisso, peraltro bloccato perché guasto, è stato attrezzato con ben tre fotocopiatrici professionali, in barba alle più elementari regole dettate dal D.lgs 81/2008. In tale ottica e nel pieno rispetto del mandato che perseguiamo – incalza Foti - intendiamo condividere le legittime rivendicazioni dei lavoratori e di tutti gli operatori del servizio, costretti a lavorare in ambienti poco rispettosi della loro dignità e delle loro funzioni. Il mancato rispetto delle norme di prevenzione e sicurezza, a causa della riduzione delle vie di fuga, ostruite dalla presenza di numerosi faldoni depositati lungo i corridoi, accresce maggiormente, tra i dipendenti ed i fruitori della struttura, la consapevolezza che tale luogo di lavoro non sia adeguatamente protetto. Il pessimo funzionamento degli ascensori, attualmente guasti, aumenta i disagi per gli avventori e, soprattutto, per i portatori di handicap e anziani, impossibilitati a raggiungere i piani superiori. L’aspetto più vergognoso quanto umiliante di per sé, è dato anche dallo stato estremamente precario ed ai limiti della decenza, in cui versano i cosiddetti servizi igienici degli uffici Giudiziari del Cedir. I bagni fruibili sia dai dipendenti che dagli avventori, sono quasi in totale stato di abbandono e scarsamente igienizzati, spesso sono inagibili a causa delle frequenti rotture degli impianti e dalla costante carenza idrica. Tutte le inefficienze più volte segnalate e denunciate, non sono allarmismi artatamente divulgati solo per mero populismo, ma evidenti “drammatiche abitudini” giornalmente sotto gli occhi di tutti, che privano, di fatto, cittadini e lavoratori del bene comune. Proprio per questo – conclude Foti – la UILPA non abbasserà la guardia e si farà carico di trasmettere alle preposte istituzioni ed alla segreteria Nazionale UILPA, il quadro dell’attuale situazione di degrado e pericolo, vigilando ed attuando tutte le azioni sociali e giudiziarie per la risoluzione di quanto denunciato.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative