accedi | registrati | 13-11-2019

Dubbi per i due tecnici: Coralli per gli amaranto e Mungo per i rossoblu

Reggina-Cosenza, gli ultimi aggiornamenti

di Enzo La Piana 25/09/2016

Mancano poche ore al fischio d’inizio di Reggina – Cosenza,.La  gara, che chiuderà il trittico di derby casalinghi d’inizio stagione per la squadra dello Stretto, dirà molto sul prosieguo del suo campionato. Ecco le parole di Zeman e Roselli nel pre-partita.

Quì Reggio.

Indisponibili. «Coralli si è allenato solo, sembrava che stesse bene. Non è al massimo della forma, ma lo considero tra i disponibili: vedremo se giocherà dall’inizio o a gara in corso ma sarà della partita. Tranne Lancia e Silenzi non abbiamo indisponibili».

Clima partita. «Giochiamo con un avversario molto forte, partito con ambizioni diverse dalle nostre. Sulla carta il Cosenza ci è superiore. Solitamente sono molto bravi a chiudersi, sfruttando poi qualità e capacità nell’innescare ali e mezzali. Magari, contro di noi, una squadra che ha un organico superiore, vorrà fare la partita e in quel caso dovremo esser bravi noi ad organizzare le ripartenze al meglio».

Palle inattive. «Si è lavorato a livello individuale in questa settimana per essere più convinti e cattivi nel concretizzare ciò che produciamo e soprattutto ciò che dobbiamo impedire di fare all’avversario. Mi riferisco alle palle inattive: penso si sia trattato sempre di errori individuali fino ad oggi perché le posizioni sono sempre corrette. Il punto è che tra un calciatore che ha il fuoco dentro per andare a colpire il pallone ed uno che non ha lo stesso approccio la palla la prenderà sempre il primo. Al di là dell’oliare i meccanismi dobbiamo esser più convinti di ciò che facciamo e partire prima dell’avversario in talune situazioni di gioco».

Età. «Tanti dei nostri giovani ragazzi hanno grandi qualità, in allenamento si vede però che non sono ancora del tutto pronti. Qualcuno sta facendo dei grandi passi in avanti in questi giorni, ma non voglio fare nomi su chi stia migliorando e chi ancora meno. Bisogna aspettarli e ci daranno soddisfazioni. In generale, rispetto alle aspettative, di certo non si può essere delusi e apprezzo l’appoggio della gente. Io ho sempre la voglia di migliorare e al termine della gara non sono mai soddisfatto a pieno».

Ciclo.  «È vero che il ciclo sarà complicato, ma per evitare di complicarcelo troppo è bene pensare una gara alla volta e dedicarci al Cosenza che è squadra forte e completa. Le difficoltà le incontreremo ogni domenica. Diventeranno insormontabili solo se non riusciremo a dare il meglio di noi stessi, indipendentemente dall’avversario che si chiami Cosenza o Lecce».

Avversario. «Soprattutto dalla cintola in su hanno un organico con varie possibilità anche se dovessero mancare un paio di elementi ce ne sono altri altrettanto validi. Soluzioni a livello individuale ne hanno davvero parecchie. Temo soprattutto le loro ripartenze, sfruttano qualsiasi errore dell’avversario per punirlo con le loro qualità. L’avversario è molto forte, dovremo esser bravi ad aggredirli e agire in velocità. Loro vogliono concorrere per andare in B, noi per quest’anno no: la differenza tra il Cosenza e la Reggina al momento sta qui».

Quì Cosenza.

In conferenza stampa, il tecnico del club rossoblù, Roselli, come riportato dal sito ufficiale del Cosenza Calcio, si è soffermato sulla gara di oggi. Queste in breve le sue dichiarazioni: «Mungo viene a Reggio per curarsi, è tra i convocati ma non giocherà. Potremmo tornare sia al 4-4-2 che andare sul 4-3-3,ma i miei giocatori,dovranno tenere la massima concentrazione. Mungo e Cavallaro non sono giocatori duplicabili, ma giocheremo con ragazzi dalle caratteristiche differenti, dispiace soprattutto perché sono in grande spolvero, l’essenziale è non abbassare la guardia. Noi dobbiamo cercare di portare avanti le nostre idee e le nostre caratteristiche, anche se sappiamo che Porcino è in grande spolvero, ma questo non significa marcarlo a vista». Sulla Reggina: «Di questa partita ho paura, temo molto gli amaranto, sono una squadra sbarazzina, faremo risultato solo con una grande prova. Il terreno di gioco? Non credo possa penalizzarci. Il concetto principale sarà quello di prendere il tempo agli avversari che sono molto propositivi, ma perdendo il pallone potranno andare in difficoltà. La partita? Sarà molto equilibrata, vincerà chi corre di più».

Le probabili formazioni

Reggina: Sala, Cane, Kosnic, Gianola, Possenti, Botta, Bangu, De Francesco, Oggiano, Coralli, Porcino. All. Zeman

Cosenza: Perina, Pinna, Blondett, Tedeschi, Corsi, Mungo, Ranieri, Caccetta, Statella, Gambino, Cavallaro. All. Roselli

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative