accedi | registrati | 18-10-2018

La Polizia mette i sigilli al patrimonio dell'imprenditore vibonese Nicola Comerci

Sequestrati beni per 1,5 milioni a un imprenditore

Sarebbe legato alla cosca Piromalli di Gioia Tauro, ai Mancuso di Vibo e ai Destefano di Reggio

di Redazione Web 30/08/2018

La Polizia di Stato, ad esito di una complessa attività investigativa di natura patrimoniale svolta dalla locale Divisione Polizia Anticrimine e coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia -Sezione Misure di Prevenzione - di Reggio Calabria, ha messo a segno un ulteriore attacco agli interessi criminali della ‘ndrangheta, dando esecuzione ad un provvedimento di sequestro di beni, emesso dal Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Misure di Prevenzione - nei confronti di COMERCI Nicola, nato a Nicotera (VV) il 11.12.47, attivo nella piana di Gioia Tauro (RC) ma con rilevanti interessi economici nelle province di Vibo Valentia, Roma, Bologna ed in tutto il Nord Italia.
L’attività investigativa di natura patrimoniale avviata dalla Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Reggio Calabria su delega della suddetta Procura Distrettuale nei confronti del COMERCI ha consentito di accertare come COMERCI Nicola, dagli anni’70 in poi, abbia costruito un impero economico, soprattutto nel campo delle strutture ricettive, della ristorazione e dei villaggi turistici, grazie all’appoggio fornito dalla potente cosca PIROMALLI ed ai legami tra la suddetta cosca e quelle altrettanto di rilievo dei DE STEFANO del capoluogo reggino, dei MANCUSO di Vibo Valentia e dei COCO di Milano.
Il Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Misure di Prevenzione aveva già disposto nel mese di ottobre 2016 il sequestro di numerosi beni mobili, immobili e società, ubicati nelle Province di Reggio Calabria, Vibo Valentia, Bologna e Roma, ritenuti nella disponibilità di COMERCI Nicola, per un valore di 50 milioni di euro , tra cui l’intero capitale sociale e il patrimonio aziendale della “BLUE PARADISE S.r.l.”, lussuoso villaggio turistico con denominazione “BAIA TROPEA RESORT”, avente sede in Parghelia di Vibo Valentia.
Dall’attività svolta è, altresì, emerso il ruolo di COMERCI nell’ambito di un procedimento instaurato dinanzi alla Procura della Repubblica di Vibo Valentia, volto ad accertare eventuali responsabilità penali relative alla produzione Rai della fiction “Gente di mare”. Il materiale offerto al vaglio del Tribunale ha consentito di appurare che in merito all’individuazione di una struttura alberghiera da utilizzare per la citata fiction, veniva fatto espresso riferimento al COMERCI, quale proprietario del villaggio “Blue Paradise” a Parghelia, definito quale “delfino dei PIROMALLI”. Nell’occasione i responsabili di produzione Rai furono costretti a rivolgersi al COMERCI, nonostante un imprenditore concorrente avesse presentato un’offerta di servizi più vantaggiosa sotto il profilo economico.
Con il provvedimento il Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Misure di Prevenzione ha disposto il sequestro di ulteriori cinque appezzamenti di terreno di fatto ricompresi all’interno o nelle adiacenze del perimetro del complesso turistico “BAIA TROPEA RESORT” per una valora di circa € 1.500.000,00.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative