accedi | registrati | 15-11-2018

Chiusi i termini di presentazione delle domande alla gara internazionale

Bando Enac, Sacal favorita per i due scali

di Redazione Web 10/10/2016

Si sono conclusi i termini per la presentazione delle offerte per il bando internazionale, pubblicato da Enac lo scorso 2 settembre,  per la concessione trentennale della gestione degli aeroporti di Reggio Calabria e Crotone.

Dai palazzi romani di Enac è filtrato il numero di partecipanti. Saranno quattro i competitors, ma zero nomi ufficialmente. Le conferme arrivano tutte da Lamezia Terme, dove l'assemblea dei soci della Sacal, gestore dell'hub lametino, ha dato il suo lasciapassare alla partecipazione per entrambi gli scali calabresi. Una Opa che ha registrato il voto favorevole di tutti i soci pubblici, Regione Calabria in testa,  con l'astensione di due azionisti privati, ossia AdR, Aeroporti di Roma, e Banca Carime.

Se l'istituto di credito adduce come motivazione il nuovo assetto societario, per il gestore dell'aeroporto di Fiumicino, il problema è la sostenibilità dell'operazione viste le difficoltà economiche negli ultimi esercizi. Qualcuno, però, vocifera che AdR potrebbe essere proprio l'outsider di Sacal per il "Tito Minniti",magari assieme ai romani dell'Avr, soluzione quest'ultima molto gradita all'attuale maggioranza della Città Metropolitana di Reggio Calabria. Avr che pare avrebbe depositato l'offerta anche per lo scalo crotonese. Sarebbe invece tramontata l'ipotesi di partecipazione di Turkish Airlines, anche se i dubbi verranno fugati alla prima sessione della gara d'appalto pubblica del prossimo 10 dicembre.

Data in cui si capirà di più anche rispetto al "Pitagora" dove i concorrenti, invece, ci sono e sono conosciuti: oltre Sacal, concorrerà la Sagas, società creata ex novo dai soggetti istituzionali di Crotone, ma anche il gruppo imprenditoriale di iGreco. A Crotone, a differenza di Reggio, sono molto scettici rispetto all'unica società di gestione, cosa ben diversa della società di gestione unica proposta in modo bipartisan sia da Scopelliti che da Oliverio nella carica di governatore della Calabria.

Un dato ancor più scomodo è quello che trapela dal possibile piano industriale di Sacal: Ryanair dovrebbe fare base esclusivamente su Lamezia, tranne ipotesi stagionali negli altri due scali, soprattutto a Crotone, mentre su Reggio dovrebbe mantenere il predominio Alitalia.

E nel frattempo il Governatore Oliverio annuncia l'Alta Velocità ferroviaria fino a Reggio Calabria...

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative