accedi | registrati | 21-10-2018

Ha partecipato, nella qualità di relatore, don Armando Matteo, docente di Teologia all'Urbaniana.

Locri-Gerace, assemblea diocesana sul rapporto giovani e fede

di Giovanni Scarpino 03/10/2018

Il rapporto tra le nuove generazioni e la fede è una questione decisiva per la Chiesa. Di “Giovani, fede e discernimento vocazionale” si è parlato nei due giorni dell’Assemblea Diocesana di Locri-Gerace che ha registrato una buona partecipazione da parte dei rappresentanti di tutte le parrocchie che con i sacerdoti, i religiosi e le religiose hanno risposto alla chiamata del vescovo, monsignor Francesco Oliva, per prepararsi al nuovo anno pastorale. Le relazioni e i dibattiti sono stati intervallati dai lavori di gruppo organizzati dall’Ufficio di Pastorale Giovanile diretto da don Marius Okemba. Il relatore principale è stato don Armando Matteo, sacerdote di Catanzaro che insegna Teologia fondamentale presso la Pontificia Università Urbaniana di Roma. I suoi interventi sono stati molto apprezzati dai presenti, sia per la ricchezza dei contenuti, sia per il modo brillante con cui questi sono stati proposti.

Il punto principale ha riguardato il difficile rapporto dei giovani con la fede e come fare per ricostituirvi essi un nuovo rapporto e far tornare Gesù e il Vangelo davvero significativi per la vita e le scelte dei giovani. Per don Armando Matteo “il rapporto tra le nuove generazioni e la fede rappresenta, dal punto di vista della comunità ecclesiale, una questione decisiva. Senza i giovani, la Chiesa, almeno qui, scompare” ha detto il teologo, evidenziando la situazione “davvero molto precaria delle vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata, ma anche la qualità media della vita delle parrocchie, delle associazioni e dei movimenti che orbitano nell’area del cattolicesimo”.
 
Don Matteo ha richiamato l’attenzione su quello che per lui rimane “il nodo veramente cruciale della trasmissione della fede: l’immaginario di adulto, che si è imposto ad ogni livello”. Il sacerdote catanzarese ha descritto il profilo vincente dell’adulto di oggi: “quello di chi pensa ossessivamente al proprio benessere fisico, al guadagno più alto, al restare per sempre giovane, al rinvio permanente di ogni responsabilità generativa ed educativa, a esercitare una libertà che escluda ogni forma di ‘per sempre’, a giochicchiare con i messaggini e i post di Facebook, a rincorrere infine le ultime mode e gli ultimi ritrovati dell’ap - parato tecnologico”. In sostanza il profilo oggi vincente è quello di “un adulto che con ciò che l’adultità di per sé evocherebbe, non vuole avere più nulla a che fare”. La mossa vincente da parte della Chiesa, per don Armando Matteo “è quella di porsi all’altezza della sfida culturale che oggi rappresenta l’emergere del profilo postcristiano dell’adultità. Significa annunciare che diventare adulto non è il peggiore dei mali possibili. Che esiste vita umana oltre la giovinezza”.
 
A conclusione dei lavori, monsignor Francesco Oliva ha ringraziato tutti per la proficua partecipazione ed ha annunciato la prossima pubblicazione della sua Lettera pastorale per il biennio 2018-2020 che sarà intitolata “Non passare oltre senza fermarti”.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative