accedi | registrati | 19-12-2018

A 13 anni dall'uccisione per mano mafiosa del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria

Franco Fortugno, una giornata di sport per non dimenticare

di Redazione Web 15/10/2018

Lo sport come strumento di promozione del valore della legalità e di socializzazione tra i giovani. Sarà questo il filo conduttore dell'iniziativa dal titolo “Sport&Legalità. Avversari sempre, nemici mai” organizzato per martedì 16 ottobre a Locri dal Comitato per le commemorazioni di Francesco Fortugno a 13 anni dall'uccisione per mano mafiosa del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria.

Dopo la Santa Messa di suffragio (ore 9.15 alla Cappella dell'ospedale di Locri) il programma delle iniziative proseguirà a Palazzo Nieddu del Rio (ore 10.15) con la deposizione della corona dello Stato da parte del comandante in seconda della Guardia di Finanza, generale di corpo d'armata Filippo Ritondale.

Alle ore 10.45, al Liceo delle Scienze Umane e Linguistico “Giuseppe Mazzini”, si terrà una tavola rotonda su sport e legalità, moderata dal giornalista Rai Antonio Lopez. Dopo i saluti istituzionali, ai lavori, introdotti da Maria Grazia Laganà Fortugno, vedova del vicepresidente del Consiglio regionale calabrese, parteciperà tra gli altri un altro rappresentante di altissimo livello della Guardia di Finanza: il generale di brigata Raffaele Romano che da due anni è il comandante del Centro sportivo delle Fiamme Gialle, uno dei gruppi sportivi più prestigiosi che hanno contribuito ai successi dell'Italia, in campo internazionale, in numerose discipline. Annunciata anche la presenza di Franco Chimenti, vicepresidente nazionale del Coni, su delega del presidente Giovanni Malagò. Al dibattito, che si svolgerà davanti alla platea degli studenti, prenderanno parte due testimonial sportivi d'eccezione, che fanno parte di un altro prestigioso gruppo sportivo, quello delle Fiamme Oro della Polizia di Stato: si tratta di Valentina Vezzali, da molti considerati la più grande schermitrice di sempre, vincitrice tra l'altro di 6 medaglie d'oro alle Olimpiadi, 16 ori mondiali, 13 ori europei, 5 ori alle Universiadi e 2 ori ai Giochi del Mediterraneo; e Francesco D'Aniello, tiratore al volo della specialità double trap, che vanta nel suo palmares un argento olimpico, tre ori e un argento ai Mondiali e un oro agli Europei.
Una giornata dedicata a uno degli aspetti più coinvolgenti e gioiosi della vita sociale, lo sport, attraverso il quale vuole essere rievocata la figura cristallina di Francesco Fortugno per alimentare la memoria dell'impegno per la legalità e il bene comune dell'uomo politico locrese.
Le iniziative si concluderanno alle 12.30 con la deposizione della corona al cimitero di Locri, da parte del Presidente del Consiglio Regionale della Calabria Nicola Irto.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2017 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative