accedi | registrati | 26-6-2019

È ambientato a Reggio Calabria e Messina il film che andrà in onda su Rai il prossimo 22 gennaio, dal titolo ''Libero di scegliere''

Figli di 'ndrangheta, l'impegno reggino adesso è una fiction

di Redazione Web 17/01/2019

È ambientato a Reggio Calabria e Messina il film che andrà in onda su Rai il prossimo 22 gennaio, dal titolo “Libero di scegliere”. Alessandro Preziosi sarà Mario Lo Bianco, giudice del Tribunale dei Minori di Reggio Calabria con un sogno: strappare i ragazzi dalla ‘ndrangheta. Giorno dopo giorno ha visto sedere nella stessa aula di tribunale i figli delle più importanti famiglie mafiose della provincia. E ha capito una cosa: la ‘ndrangheta non si sceglie, si eredita.
 
La storia trae spunto dall'impegno del giudice Roberto Di Bella, ecco la nostra intervista: Il presidente del Tribunale dei Minori di Reggio. «La mafia è sofferenza, va indicata un’alternativa ai giovani».
 
Quando incontra Domenico, ultimo componente di una cosca di cui anni prima ha arrestato il fratello, decide che è arrivato il momento di dire basta. Inizia una strada difficile che costringerà tutti ad abbandonare le proprie certezze. Lo Bianco e i suoi assistenti si confronteranno con i codici e i sentimenti di quelle famiglie che hanno considerato sempre e solo come cosche criminali. I più giovani, Domenico e Teresa, impareranno che esiste una famiglia allargata, rappresentata dallo Stato e dalla Comunità civile, pronta ad aiutarti a realizzare un futuro diverso, in cui poter essere, finalmente, liberi di scegliere.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative