accedi | registrati | 23-4-2019

Era lui uno dei capi della "locale" di Aosta

Ndrangheta ad Aosta, preso Bruno Nirta ''la bestia''

È il rampollo della omonima famiglia

di Redazione Web 23/01/2019

Era lui uno dei capi della "locale" di Aosta, che si era infiltrata ormai nella vita politica, e non solo, cittadina, condizionandone gli esiti. Bruno Nirta "la Bestia" è il rampollo della omonima famiglia, tra le cosche egemoni a San Luca, guidava insieme ad Antonio Raso e a Marco Di Donato l'organizzazione criminale che operava in Valle d'Aosta, occupandosi soprattutto del traffico di stupefacenti verso e dalla Spagna. Per l'arresto del boss Bruno Nirta a San Luca (Reggio Calabria) il Raggruppamento operativo speciale dei Carabinieri ha dovuto operare con l'unita' speciale "Cacciatori di Calabria". Lo ha spiegato il colonnello Giancarlo Scafuri, vicecomandante del Raggruppamento operativo speciale dell'Arma, illustrando i risultati dell'operazione 'Geenna' sulle infiltrazioni della 'ndrangheta in Valle d'Aosta. "Non abbiamo fatto nessun latitante, abbiamo arrestato tutti", ha aggiunto. All'operazione, condotta dal Ros di Torino, hanno partecipato quasi 200 carabinieri.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative