accedi | registrati | 20-4-2019

Nel suo volume ''Una vacanza a Tropea'', il vescovo di Mileto monsignor Luigi Renzo attraversa le vicende della Perla del Tirreno

La ''vacanza a Tropea'' di monsignor Renzo

di Redazione Web 11/02/2019

Dal terrore dei saraceni dell’undicesimo secolo all’epidemia di colera del 1868. Una storia complessa e difficile quella della Perla del Tirreno, Tropea. La racconta in un volume, a metà tra la profonda e puntuale analisi storica e l’onirismo dei versi poetici, il vescovo di Mileto Luigi Renzo. L’autore, prima che da pastore, scrive da innamorato della sua terra: la storia dei monasteri, delle chiese e delle strade di uno dei borghi più belli d’Italia.

«Quando ho deciso di trascorrere Una vacanza a Tropea – scrive nella conclusione del proprio volume il presule - non mi sari mai immaginato di imbattermi in un mondo straordinariamente incantevole. Avevo sentito parlare di Tropea come la città della "cipolla rossa", ma ho scoperto che, se la cipolla é importante per l'economia della zona, la città è molto di più. Soprattutto è altro di più distorta, di religiosità, di civiltà, di bellezza paesaggistica. E tutto l'insieme di queste case, e non solo, a renderla più che mai attraente e appetibile».

Un viaggio, quello di monsignor Renzo, fatto di suggestioni e flashback, di rimandi e di storie, di reminiscenze della civiltà contadina e della religiosità popolare e “ufficiale”.

Al centro di tutto, continua a esserci Tropea: «Le sue vocazioni – scrive ancora Renzo – sono tutte da scoprire e approfondire per le multiformi sfaccettature e per la sua variegate e versatili ecletticità tanto da farne una indubbia "icona delle meraviglie". II mio viaggio, in un breve tempo di vacanza non poteva cento consentire  di scoprire tutto, ma è servito a far crescere quel tanto di appetito intellettuale da farmi desiderare fortemente di  ritornare a Tropea per godere della suggestione della Madonna dell'lsola, della rupe, delle viuzze acciottolate che si intersecano nel Centro come una casba d'Oriente, della splendida Cattedrale di sapore antico incastonata tra i Palazzi, delle altre numerose peculiarità che ne accrescono il  profondo e invidiabile fascino».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative