accedi | registrati | 27-5-2019

Il testo sottolinea l’esigenza di un’attenzione costante alla pastorale familiare della diocesi di Reggio Calabria–Bova

Sussidio per la pastorale battesimale, strumento comunitario

Triolo «Iniziativa che va supportata dai fedeli del territorio, evitare di ''posarlo'' nelle sagrestie»

di Redazione Web 17/02/2019

di Ettore Triolo * - La pubblicazione di un nuovo sussidio sul battesimo potrebbe sembrare il frutto di un’attività ordinaria nella vita della diocesi, quasi un semplice aggiornamento periodico di un «manuale di istruzione» per addetti ai lavori. Il sussidio del quale stiamo parlando, invece, non è nulla di tutto ciò e già il titolo scelto ci fa comprendere che esso è un documento la cui ricchezza e profondità vanno comprese e fatte conoscere fino in fondo: «Il Battesimo, la carta d’identità del credente».

Siamo davanti ad uno strumento alla portata di tutti, che contiene anche indicazioni pratiche e proposte formative che possono essere immediatamente fruite dalle comunità parrocchiali, ha, poi, il pregio di suggerire uno stile che dovrebbe essere comune nella nostra Chiesa diocesana. Esso è uno dei frutti dell’ultimo convegno pastorale diocesano; per essere ancora più precisi è il frutto di quell’esercizio di discernimento comunitario che sono stati gli incontri preparatori del convegno e poi la discussione assembleare del terzo giorno. È in questo contesto che la discussione sull’identità del cristiano ha fatto emergere la necessità di porre l’attenzione sul tema della vocazione del cristiano come «vocazione battesimale». Un lavoro comunitario che non si è fermato alle giornate del convegno, ma è proseguito negli incontri zonali e poi nelle commissioni diocesane.
 
Ovviamente, la ricchezza di questo documento non si ferma alla fase della preparazione, ma si coglie nel contenuto dello stesso, a partire dall’accento che è posto sul ruolo della comunità: esso non emerge solo nella celebrazione del sacramento, ma abbraccia il momento dell’accoglienza della famiglia che chiede il battesimo (o di quei giovani e adulti che lo fanno personalmente), l’accompagnamento durante il periodo della preparazione e continua con la cura di quei legami che durano nel tempo e fanno sì che la celebrazione del sacramento non sia un episodio, ma l’inizio di un cammino – appunto – vocazionale tutto da scoprire. L’attenzione al tema del Battesimo deve essere, dunque, costante nella pastorale della comunità ecclesiale, favorendo la riflessione su cosa esso significhi nell’ordinarietà della vita di ciascuno e sui doni che da esso scaturiscono.
 
Va, poi, sottolineata anche l’importanza della sezione dedicata al tema del “battesimo” come rito di affiliazione alla ‘ndrangheta: essa ha il pregio di evidenziare, con definitiva chiarezza, quale distanza incolmabile esista tra il Battesimo cristiano, che ci fa divenire figli di Dio ed operatori di pace, e il rituale mafioso, che separa dalla comunità e rende operatori di iniquità. L’auspicio è, dunque, che il sussidio in questione non sia l’ennesimo documento da riporre tra gli scaffali polverosi della sacrestia, ma divenga uno strumento che posso far crescere la comunità.

* Segretario del Consiglio pastorale diocesano

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative