accedi | registrati | 24-3-2019

L'ex senatore e presidente della Provincia di Reggio Calabria sarebbe stato connivente con la cosca dei Commisso

'Ndrangheta, la Procura stringe il cerchio su Pietro Fuda

di Redazione Web 25/02/2019

La Dda di Reggio Calabria ha notificato all'ex sindaco di Siderno, Pietro Fuda, di 76 anni, un avviso di conclusione indagini per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Secondo quanto è emerso dall'inchiesta condotta dalla Dda reggina, Fuda, che é stato anche senatore, presidente della Provincia di Reggio Calabria ed assessore della Regione Calabria, nel periodo in cui è stato sindaco di Siderno, carica alla quale era stato eletto nel maggio del 2015, avrebbe favorito gli interessi della cosca di 'ndrangheta dei Commisso.   

Fuda, in particolare, sempre secondo l'accusa, avrebbe consentito alla cosca Commisso di assumere una posizione di influenza nel Consiglio comunale, promuovendo e consentendo la nomina a presidente dell'organismo di Paolo Fragomeni, legato da vincoli di parentela con la famiglia dei Commisso.
 
Il Comune di Siderno é stato sciolto per presunti condizionamenti della criminalità organizzata nell'agosto del 2018, quando Fuda era ancora sindaco.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative