accedi | registrati | 18-8-2019

Amaranto che troveranno da avversari gli ex Balistrieri e Viola

Un Taranto in crisi fa visita alla Reggina nel prossimo turno

di Enzo La Piana 17/11/2016

L'ultimo confronto sullo Stretto tra la Reggina e il Taranto, il 4 novembre 1990, era campionato di serie B. Allora la squadra di Gaziani, impattò sullo 0-0 al cospetto di quella squadra che annoverava Maurizio Raggi e Simone Giacchetta, uno esperto, l'altro allora promessa di proprietà del Napoli di Ferlaino. Taranto e Reggina, tornarono ad incrociarsi il 18 agosto 2002, giocando una sfida del turno preliminare di Coppa Italia. La sfida dello Iacovone si risolse con un secco 0-3 per i calabresi, con gol di Savoldi, Nakamura e Mozart. La società per vie traverse ha rinnovato la fiducia a Prosperi, chiamato a rimediare ad una situazione di classifica poco felice, come la Reggina, il Taranto in piena crisi con 11 punti come la squadra dello Stretto, che certamente al Granillo, in una partita spareggio, cercherà punti importanti da portare a casa. Proviene da due sconfitte consecutive, l'ultima difficile da digerire, con il Francavilla, che si imposto allo Iacovone con un perentorio 2-3. Anche se al momento la squadra mostra delle fragilità caratteriali, Prosperi, pur adottando il 3-4-3, potrebbe affidarsi ad un abbottonatissimo 3-5-1-1 visto che la difesa si conferma ancora una volta l'anello debole, anche se ha incassato 17 gol cinque in meno degli amaranto, mentre il reparto offensivo realizzato 10 reti due in meno della squadra di Zeman, che dovrà tenere d'occhio Paolucci, Bolino, gli ex Balistrieri e Viola, oltre che Albanese e Nigro.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative