accedi | registrati | 25-6-2019

Rimettere al centro il giornalista del complesso processo di individuazione selezione dei fatti che, opportunamente «lavorati», diventano notizia

Un «non manuale» per i giornalisti: Mantineo lo presenta a Reggio

di Redazione Web 10/04/2019

Rimettere al centro del complesso processo di individuazione selezione dei fatti che, opportunamente “lavorati”, diventano notizia il giornalista, l’unico che possiede la necessaria formazione per utilizzare gli strumenti del mestiere. 
E’ uno degli elementi emersi con maggiore forza dall’incontro svoltosi lunedì a Palazzo Alvaro in occasione della presentazione del volume  “DireFareComunic@re - Gestire un ufficio stampa nel tempo dei social” (Media Books edizioni) del giornalista Aldo Mantineo. L’incontro - promosso dall’Associazione Biesse con l’Anioc, l’Unuci, Nuova Soidarietà, Inner Wheel e Rotaract - ha visto dialogare con l’autore, da ultimo caposervizio della redazione di Reggio Calabria  della Gazzetta del Sud, il direttore di Reggio TV Francesco Chindemi e Giampaolo Latella, portavoce del presidente del Consiglio regionale della Calabria. A coordinare l’intervento Santo Strati, direttore editoriale di Media Books Edizioni e di Calabria.live. A porgere il saluto anche il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà. 
“Il grande equivoco nel quale non si deve ancora cadere - ha detto tra altro Mantineo - è di continuare a ritenere che qualsiasi pensiero, legittimamente manifestato, sia esso stesso una notizia. Non è così o almeno non lo è sempre. La moltitudine di fatti, piccoli e grandi, che scandisce la vita della “rete”, e dei social in maniera più particolare, è altro rispetto alla complessa operazione di  “produzione” delle notizie che segue un iter ben preciso - a partire dalla sistemata e attenta verifica -  e richiede l’impiego di specifiche professionalità”. 
“La particolarità di questo volume, un “non manuale” come piace definirlo all’autore - ha aggiunto il direttore di Reggio TV Francesco Chindemi - è che è stato realizzato utilizzato un’ottica meno convenzionale. Aldo Mantineo è un giornalista che, come ha spiegato lui stesso, per oltre trent’anni    ha lavorato in redazione e mettendo assieme quanto emerso da questo lunghissimo periodo di analisi e di lavoro ha tirato fuori questo testo che contiene oltre ad utili spunti di approfondimento e di analisi una serie di “suggerimenti” utili per chi professionalmente gestisce uffici stampa e fa comunicazione. Insomma, qui si ritrova quel che legittimamente una redazione si attende di ricevere da un ufficio stampa professionalizzato”. 
“Penso che questo volume, per la semplicità e l’immediatezza con le quali “parla” ed arriva anche all’orecchio di chi non fa della gestione dei processi di comunicazione il tratto distintivo della propria attività professionale, sia da considerare un eccellente compagno di viaggio - ha osservato Giampaolo Latella -. E’ uno di quei volumi da tenere sulla propria scrivani di lavoro  assieme ad un buon dizionario della lingua italiana che non fa mai male consultare. Chi si occupa di uffici stampa e comunicazione leggendo queste pagine ritrova parti importanti della propria quotidianità e può far tesoro delle piccole “istruzioni per l’uso” disseminate qui e lì, chi invece non si occupa di comunicazione tra non penso importanti stimoli per riflettere su qualcosa, come l’informazione, che attraversa la quotidianità di ciascuno di noi”.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative