accedi | registrati | 22-7-2019

Dal 29 aprile al 5 maggio sono stati coinvolti 111mila cittadini europei in centinaia di iniziative nei vari Stati

L'analisi. Quel Vecchio Continente «a misura di giovane»

di Redazione Web 15/05/2019

Se la conosci, ti appassiona; se scopri cos’è l’Europa, non puoi fare a meno di sentirti coinvolto in questo progetto di casa comune. È quanto emerge dalle esperienze dei giovani che hanno partecipato a Bruxelles all’evento istituzionale di questa Settimana europea dei giovani che si è conclusa il 5 maggio: in giro per l’Unione si sono svolti quasi mille eventi che hanno raggiunto oltre 111mila giovani, mentre a Bruxelles il Parlamento europeo ha ospitato 800 giovani che per due giorni hanno sviscerato il tema della democrazia, guardando al voto ormai imminente e confrontandosi anche con rappresentanti delle istituzioni europee.

Una casa per tutti. «La sorpresa più grande è la comunione di intenti, il sentire comune che unisce tutti noi giovani europei al di là dei confini nazionali. In questi due giorni abbiamo partecipato a discussioni e dibattiti legati a tematiche importanti» e la cosa che dà «speranza, è che noi giovani, che siamo il futuro dell’Europa, siamo uniti e desiderosi di esserlo e di avere altri momenti come questo per confrontarci tra di noi e capire come migliorare sempre più l’Ue».

A raccontare la propria esperienza della Europan Youth Week di Bruxelles è Dina Galdi da Salerno, una delle 11 componenti di “Re– generation ( Y)outh”, gruppo di ragazze campane e lucane under–30 unite da un profondo senso di appartenenza ai principi dell’Ue e dalla voglia di “innovare”, ciascuna con la propria specificità. «È difficile descrivere l’atmosfera che si è respirata al Parlamento: vivendola, si è percepito il significato di essere europei». Dina descrive il Parlamento come «luogo di tutti, in cui non ci sono differenze, ma una grande apertura che va al di là dell’identità nazionale; qui ci sentiamo a casa nostra», anche perché ognuno «trova lo spazio per dar voce alle proprie idee». Molto apprezzato il fatto che le idee siano state «ascoltate e recepite» nei dialoghi coi commissari, con chi lavora attivamente all’interno delle singole direzioni generali dell’Ue: «Tutti erano pronti al dialogo e volevano sapere che cosa pensassimo».

A sentire Giusy Sica, che di “Re– generation ( Y)outh” è l’ideatrice, «i giovani italiani respirano molta più Europa di quanto siamo abituati a leggere sui social, ma certi momenti aggregativi come questi, in cui le istituzioni (anche quelle nazionali) si aprono in qualche modo per essere hakerate, vissute a 360° nella loro vita, diventano opportunità per comprendere meccanismi che non sono così semplici da comprendere dal divano di casa».

Decidere il proprio futuro. Guardando all’appuntamento elettorale del 23–26 maggio «la sfida più grande è creare coinvolgimento nelle generazioni che andranno per la prima volta al voto, rispetto alle quali si conosce poco o sono ancora assenti», raccontano questi giovani. Una chiave per conquistare le persone sono «momenti di connessione in cui si racconta che cosa è l’Europa, quali ne sono i benefici». Giusy esprime il proprio plauso al Parlamento che «sta facendo tantissimo, con la campagna Stavolta voto e la piattaforma Che cosa fa l’Europa per me”.

«La nostra grande responsabilità», continua Giusy, è «creare momenti di connessione non solo online attraverso i canali digitali, ma anche off line, con dibattiti, momenti anche semplici di aggregazione, un caffè e un aperitivo». Occorre «spiegare, dare un nome e cognome alle cose e questo può portare a una maggiore comprensione dei sistemi europei e di quanto bisogna pretendere dall’Europa». Questo cercheranno di fare ritornate a Salerno, Giusy e Dani, di qui al 26 maggio: si vota di certo, perché «c’è chi ha lottato pur di avere questo diritto e noi oggi dobbiamo averne cura» andando a votare, «perché decidiamo il futuro nostro, dei nostri figli e nipoti. Un gesto che dura un secondo ma che può avere conseguenze durature».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative