accedi | registrati | 10-12-2019

La maggioranza ha respinto la richiesta delle opposizioni di rinviare il decreto in Commissione

Decretone sulla Sanità calabrese, oggi torna l'esame alla Camera

di Redazione Web 30/05/2019

L’Aula delle Camera riprenderà oggi l’esame del decreto sulla sanità in Calabria, dopo le tensioni tra le opposizioni e la maggioranza e il ministro Giulia Grillo, che ieri hanno bloccato i lavori. La maggioranza ha respinto la richiesta delle opposizioni di rinviare il decreto in Commissione per consentire la sostituzione della relatrice di M5s, Dalila Nesci, accusata di trovarsi in una situazione di conflitto di interessi. Le opposizioni hanno contestato che tra i candidati a commissari delle Asl vi sia un collaboratore della relatrice al decreto, Dalila Nesci (M5s), Gianluigi Scaffidi, quindi in una situazione di conflitto interessi. “Il Pd, tramite la deputata Enza Bruno Bossio, ha scatenato una polemica del tutto strumentale mentre l’Aula è impegnata nell’approvazione di un provvedimento importante per la sanità calabrese. Gianluigi Scaffidi è stato proposto dai commissari alla Sanità quale commissario dell’Asp di Vibo Valentia, non è un mio collaboratore ma un professionista impegnato da anni per le azioni di denunce relative alla Sanità calabrese. Si tratta quindi di una bagarre fondata sul nulla che danneggia i cittadini calabresi”. Lo afferma, in una nota, la deputata M5S Dalila Nesci, componente della commissione Sanità e relatrice al provvedimento. ”Si è tentato di presentare il Decreto sulla Sanità in Calabria come un provvedimento di portata risolutiva dei problemi della Sanità calabrese ma, in realtà, esso ha il solo scopo di mettere le nomine dei Commissari delle Aziende sanitarie in capo al governo con la possibilità di derogare dalle norme e dalle regole previste per tutte le altre Regioni dell’Italia”. Lo sostiene, in una dichiarazione, il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio. “Durante la discussione parlamentare – aggiunge Oliverio – è emerso quanto da noi evidenziato nel corso dell’audizione in commissione, ovvero l’incongruenza e l’assoluta inadeguatezza di un provvedimento che non contribuirà ad affrontare i problemi della Sanità calabrese ma contribuirà ad aggravarli. Ho evidenziato, inoltre, sin dal primo momento della pubblicazione del decreto sulla sanità in Calabria assunto dal governo l’evidente forzatura contenuta nella possibilità di derogare dall’elenco nazionale nelle nomine dei commissari nelle Aziende sanitarie calabresi. Ho immediatamente dichiarato la mia netta indisponibilità ad intese su nomi. Cosa che ho formalmente esplicitato in occasione della mia audizione nella commissione competente della Camera dei Deputati. In quella sede erano presenti anche deputati calabresi tra i quali la relatrice, on. Nesci. L’elenco dei nomi che mi è stato inviato dal Commissario della sanità calabrese, generale Cotticelli, è stato pubblicato dai mezzi di informazione nei giorni precedenti le elezioni europee”. “Il ricorso alle bugie di fronte al Parlamento – conclude il Governatore della Calabria – è davvero avvilente da parte di chi ha la responsabilità istituzionale del governo della Sanità e la dice lunga sui veri propositi che hanno portato a proporre questo decreto”.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative