accedi | registrati | 21-11-2019

Il Canonico del Capitolo metropolitano è stato ordinato il 24 giugno 1979 nella Basilica di San Pietro da San Giovanni Paolo II

I quarant'anni di ordinazione sacerdotale di monsignor Morabito

di Redazione Web 30/06/2019

Domenica scorsa, Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, presso la Parrocchia del Santissimo Salvatore, è stata celebrata la liturgia eucaristica, presieduta dall’arcivescovo metropolita di Reggio Calabria – Bova, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, in ricordo dei 40 anni di sacerdozio del canonico monsignor Antonio Morabito.
 
Monsignor Morabito è stato ordinato il 24 giugno 1979 nella Basilica di San Pietro da San Giovanni Paolo II.
Ha dedicato il suo ministero sacerdotale alla divulgazione della cultura, come dimostrano i numerosi volumi da lui realizzati, e all’amore per la propria città, spendendosi per la riqualificazione di diverse strutture reggine.
 
Il suo ultimo volume Pastori nel cuore di Cristo ricorda i suoi 40 anni di sacerdozio ed è stato dedicato a monsignor Giovanni Ferro che lo ha condotto alla fede e lo ha accompagnato nel discernimento vocazionale alla vita consacrata come padre spirituale nel quale egli vide la Paternità di Dio.  
Altre figure importanti che monsignor Morabito ha ricordato come testimoni e modelli di fede nel suo discernimento sono stati don Italo Calabrò e don Luigi Giussani. Il suo ministero lo ha visto parroco nelle parrocchie di Laganadi, Sant’Alessio e Podargoni.
 
La missione come parroco della Parrocchia del Santissimo Salvatore è stata svolta da gennaio del 1987 a gennaio del 2012.
Oggi monsignor Morabito continua il suo ministero come canonico del Capitolo della Cattedrale metropolitana e Rettore della Chiesa di Sant’Anna.  
In occasione della Celebrazione Eucaristica dello scorso 23 giugno, la comunità parrocchiale, i familiari e quanti lo hanno accompagnato e sostenuto spiritualmente in questi anni di sacerdozio hanno dimostrato la loro gratitudine e il loro affetto.  
 
Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini durante l’omelia ha sottolineato il profondo legame tra sacerdozio ed eucarestia e ha evidenziato l’importanza dei movimenti ecclesiastici all’interno dei quali, tante volte, il Signore chiama al servizio pastorale. Ripercorrendo le tappe cruciali della missione di monsignor Morabito, l’arcivescovo ha ricordato come abbia portato a compimento l’opera muraria della Chiesa del Santissimo Salvatore nel mentre portava avanti l’opera spirituale; lo ha inoltre ringraziato per il suo servizio nella chiesa regionale come giurista del Tribunale ecclesiastico calabro e per come sia stato capace nei suoi 40 anni di sacerdozio ad accogliere la chiamata del Signore ed essere fedele ad essa.
Infine ha concluso esortando ciascuno a portare avanti il compito della Chiesa di trasmettere il dono della fede attraverso la propria testimonianza.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative