accedi | registrati | 13-11-2019

Liberare i bambini dalle paure. Docenti e genitori si parlino

Sempre più frequenti i casi di violenze subite dai minori nei contesti che dovrebbero invece curarne l’educazione

di Federico Minniti 25/09/2019

Galera e licenziamento sono davvero la formula adatta a sanare un problema che affligge le due agenzie educative per eccellenza?

Che la famiglia sia in crisi fin dalle sue radici identitarie non è un mistero per nessuno, e la scuola, soprattutto quella dell’Infanzia e Primaria, è chiamata a supplire alle mancanze della prima. Tuttavia, mai come oggi, la “scuola dei piccoli” si è trovata nell’occhio del ciclone anzi, delle telecamere nascoste con tutti i limiti dei metodi d’indagine. In un solo anno è stato frantumato ogni record superando i 100 procedimenti processuali nei confronti di oltre 200 maestre inquisite. Eppure, sorprendentemente, non si è registrato un solo intervento del Miur che affrontasse sistematicamente col Ministero di Grazia e Giustizia un fenomeno che è esclusivamente italiano (isteria collettiva unita a improbabili metodi d’indagine?). A tutto ciò va aggiunto il clima di scontro tra scuola e famiglia che ha visto moltiplicarsi, nel tempo, le aggressioni ai docenti a tutti i livelli d’insegnamento.

Questo è oggi il clima in cui operano le maestre: terrore d’intervenire in casi di famiglie sfasciate; timore di segnalare o mettere per iscritto evidenti segni di violenza sui bambini; paura di aggressioni e minacce da parte di genitori (o patrigni); coinvolgimento di servizi sociali che richiamano le recenti vicende di Bibbiano o quelle meno recenti della Bassa Modenese.

Nonostante ciò, siamo totalmente concentrati nel voler punire sommariamente i “colpevoli” senza invece ragionare sulla prevenzione da attuare perché non si abbiano più a ripetere fatti simili.

La scuola, attraverso le maestre, può talvolta intercettare i problemi familiari e segnalare tempestivamente per iscritto gli stessi al dirigente per attivare in seconda battuta l’intervento dei servizi sociali.

Il rischio di omessa segnalazione va scongiurato affrontando con riunioni periodiche aventi all’ordine del giorno la salute e la serenità dei bambini. Ogni segnalazione deve essere inderogabilmente messa agli atti per iscritto dalle insegnanti.

Riavvicinare scuola e famiglia scongiurando aggressioni degli insegnanti e favorendo un clima sereno, collaborativo e di reciproco rispetto con i genitori degli alunni.

Far cessare la caccia alle streghe delle maestre con metodi quali le intercettazioni (fenomeno – ripeto – solo italiano) quando gli obiettivi di incolumità dei bambini sono perseguibili dai dirigenti scolastici e loro collaboratori.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative