accedi | registrati | 6-12-2019

Adolescenti, rivoluzione umana che ponga al centro gli uomini

Il ministro dell'Istruzione scrive agli studenti e chiede aiuto per la battaglia che riguarda la salvaguardia dell'ambiente e il cambiamento climatico

di Silvia Rossetti 01/10/2019

Il neoministro per l’Istruzione, l’università e la ricerca Lorenzo Fieramonti ha scritto in questi giorni agli studenti italiani in occasione della Settimana per lo Sviluppo sostenibile, apertasi lo scorso 20 settembre.

L’intento è quello di chiedere aiuto ai giovani per una battaglia ormai “improcrastinabile” e di sollecitare le menti in erba a elaborare progetti e proposte “riservate ai temi dell’ambiente, del cambiamento climatico e del benessere equo e sostenibile”. A questo scopo il Miur mette a disposizione un portale dedicato: www.ilverdeascuola.it, dove raccogliere le iniziative e le sollecitazioni degli studenti.

Ai docenti il Miur mette a disposizione, invece, il portale Scuola2030.indire.it che offre materiali di autoformazione, contenuti e risorse da utilizzare nelle classi.

L’impresa è assai ambiziosa e rientra nel quadro delle azioni previste dall’Agenda per lo Sviluppo Sostenibile 2030, che 193 Paesi membri dell’Onu hanno sottoscritto nel 2015, impegnandosi a mettere a punto una propria Strategia nazionale.

L’Italia, in particolare, ha individuato 17 Goal di sviluppo sostenibile (SDG – Sustainable Development Goals) diffusi e promossi dall’ASviS – Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile. L’idea “vincente” è quella di partire con la sensibilizzazione delle giovani generazioni di cittadini per riuscire a “salvare” il Pianeta.

I Goal individuati sono i seguenti: sconfiggere la povertà; sconfiggere la fame; assicurare a tutti salute e benessere; assicurare a tutti una istruzione di qualità, equa ed inclusiva; Raggiungere l’uguaglianza di genere e l’empowerment (maggiore forza, autostima e consapevolezza) di tutte le donne e le ragazze; garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico–sanitarie; assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni; incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti; costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile; ridurre l’ineguaglianza all’interno di e fra le Nazioni; rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili; garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo; adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze; conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile; proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre, gestire sostenibilmente le foreste, contrastare la desertificazione, arrestare e far retrocedere il degrado del terreno, e fermare la perdita di diversità biologica; promuovere società pacifiche e più inclusive per uno sviluppo sostenibile; offrire l’accesso alla giustizia per tutti e creare organismi efficienti, responsabili e inclusivi a tutti i livelli; rafforzare i mezzi di attuazione e rinnovare il partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile.

Insomma, temiamo che una Settimana intera non basterà a esaurire tutti questi preziosi filoni. Però, in questi giorni di settembre educatori e insegnanti, ma anche famiglie, potranno approfittare dei giorni dedicati alla riflessione sullo sviluppo sostenibile per ricalibrare il proprio progetto educativo.

Questi 17 Goal chiedono una rivisitazione dei comportamenti quotidiani di tutti e anche un riassetto della trasmissione dei saperi nelle diverse discipline. Di fatto, preannunciano una sorta di rivoluzione “umana” che ponga al centro dell’esistenza non l’uomo e le sue necessità, ma “gli uomini” e il Creato in una relazione di armonia e rispetto reciproco.

Insomma, c’è da tirarsi su le maniche e soffermarsi a pensare che l’ecologia è soltanto uno degli aspetti di ciò che comunemente definiamo “sviluppo sostenibile”.

L’invito che ne scaturisce porta al viaggio dentro noi stessi per una nuova definizione dell’identità dell’essere umano.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative