accedi | registrati | 13-12-2019

Seminario "Pio XI", si ricomincia con sette nuove vocazioni

Così la comunità si arricchisce: quattro alunni arrivano dalle parrocchie della diocesi. In tre sono attesi dal Madagascar

di Redazione Web 07/10/2019

Il 20 settembre in seminario ha ufficialmente avuto inizio il nuovo anno formativo, anno che da subito si presenta ricco di novità che riguardano la nostra comunità e tutta la diocesi. In occasione del convegno pastorale diocesano, infatti, è stata resa pubblica la nomina di Don Sasà a svolgere, accanto all’incarico di rettore del seminario, il prezioso ufficio di vicario generale.

Quest’anno la comunità del seminario, già benedetta con un numero sempre crescente di studenti vede l’ingresso di altri nuovi alunni: Pietro Casciano, della parrocchia di Santa Maria del buon consiglio in Ravagnese, Giuseppe Lo Faro della parrocchia Maria SS. Immacolata in Scilla, Angelo Pensabene della parrocchia San Biagio in Gallico superiore, Giovanni Zappalà della parrocchia Maria Vergine della presentazione in Montebello Jonico; stiamo inoltre attendendo l’arrivo di tre seminaristi dal Madagascar: Andoniaina Natolojanahary, Elisé Heriniaina Randrianatolotra e Kevin Rolland Razafindrajaona.

 Una comunità dunque che si arricchisce di nuovi membri, diversi per età, talenti e nazionalità: una grazia ed una benedizione per noi che ci esercitiamo a vivere sempre di più l’amore fraterno ed il servizio nella diversità dei carismi, e per la chiesa locale che vede sempre più persone desiderose di servire Cristo ed i fratelli. Abbiamo dato loro accoglienza con un momento condiviso assieme alle famiglie ed agli amici dei nuovi arrivati, in cui sono stati illustrati a tutti, dal rettore e da alcuni seminaristi, i tempi della vita in seminario e i cardini attorno a cui ruota la formazione. La cerimonia di inizio anno è sempre un momento emozionante, sia per chi riparte dopo un’estate intensa, in cui grande importanza rivestono le esperienze di servizio proposte dal seminario, sia per chi la vive per la prima volta e vede aprirsi davanti agli occhi un futuro bello, ma anche faticoso, in cui lasciarsi mettere alla prova e crescere.

Come ogni anno, il percorso formativo è ispirato ad un versetto-guida, che illumina e dà una chiave di lettura alle attività che saranno svolte. Il versetto per quest’anno è “Qualsiasi cosa vi dica, fatela” (Gv 2,5) tratto dal brano delle nozze di Cana. Questo vuole essere per noi un invito a riflettere e a formarci sull’obbedienza a Cristo, vista e vissuta però non come l’esecuzione di un comando, di una parola sempre chiara e definita, ma come lo scegliere di seguirLo con una fiducia forte, che permetta di consegnare un’intera vita, di prendere decisioni forti, con la libertà e serenità di chi conosce la voce che lo chiama e per questo si fida, per quanto scomoda possa essere la Sua richiesta; perché fermamente convinti della gioia che Dio ci promette e prepara per noi. Sulla scorta di un messaggio così forte è stata scelta la figura di Maria come madre e maestra che ci guida in questo cammino, il tema mariano sarà al centro di quest’anno formativo. Maria è per noi maestra di fiducia e di sequela e mettersi sui suoi passi non può che essere per noi fonte di crescita umana e spirituale.

Il nostro percorso poi è proseguito con la gita, momento di fraternità e di crescita e continuerà con gli esercizi spirituali, che si svolgeranno dal 30 settembre al 4 di ottobre presso il soggiorno “San Paolo” a Cucullaro, occasione per riposare con Gesù, ritemprare le energie del cuore e ripartire così verso un nuovo anno che ci attende sicuramente ricco di grazia dal Signore.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative