accedi | registrati | 15-12-2019

Ecco la coperta della solidarietà

Piccoli pezzi di lana dismessa o riciclata saranno utilizzati per creare delle trapunte da regalare Serviranno per le persone bisognose dell’arcidiocesi. L’idea è dell’associazione grecanica Arte Antica

di Redazione Web 12/11/2019

L’associazione Arte antica lancia l’idea della “Coperta della solidarietà” grazie alle instancabili mani delle artigiane facenti parte del gruppo. Di cosa si tratta? Tutto è partito in estatein cui si è dedicato del tempo all’insegnamento delle tecniche di ricamo per bambine, insieme a mamme e nonne che le hanno accompagnate. Proprio durante questi laboratori e dall’idea di trasmettere oltre che tecniche anche i valori che accomunano le socie nasce “La coperta della solidarietà” ovvero il progetto di cominciare a ricamare dei quadrati di lana dismessa, riciclata o resti della stessa per creare poi delle coperte che verranno donate alle persone bisognose dell’Arcidiocesi. Il presidente dell’associazione, Maddalena Iervolino, ha coinvolto un’altra associazione – Demetra – con cui condivide l’impegno nel sociale sul territorio di Montebello Ionico. Inoltre è stata messa nella rete anche la parrocchia del SS. Salvatore di Saline, il cui parroco don Danilo Nocera, apprezzando molto l’idea e i valori di fondo che l’hanno originata, ha voluto coinvolgere le parrocchie dell’intera area Grecanica che hanno subito accolto con entusiasmo e senso di responsabilità la bella iniziativa.

Lo stesso don Danilo aveva aperto l’anno pastorale parlando di abbraccio della comunità e dell’importanza di ogni pezzetto di esperienza che si vive nella parrocchia come elemento irrinunciabile per il benessere di tutta la comunità anche nella diversità vista come ricchezza e non pregiudizio da qui il ritrovarsi nel progetto di unire dei quadrati di lana, diversi per colore che andranno ad unirsi in una coperta che scalderà chi ne avrà più bisogno a simboleggiare nella varietà dei quadrati il loro abbraccio nella multiformità dei fedeli che ne fanno parte. Il progetto è stato esteso a tutti indistintamente nella volontà di contagiare la Comunità a realizzare pezzetti di un metaforico abbraccio che accoglie e riscalda il cuore prima che il corpo. I singoli o le realtà parrocchiali ed associative del Comune di Montebello Ionico sono invitati a creare dei quadrati di lana di vari colori che saranno offerte alle comunità parrocchiali, le quali si faranno poi tramite per consegnarle attraverso la Caritas Diocesana, a chi ne avrà bisogno.

A ciascun animo creativo è lasciata la scelta scegliere qualsiasi colore, i gruppi e le associazioni presenti sul territorio, parrocchiali e non, sono invitati a scegliere e comunicare un colore fondamentale (o le sue sfumature) che le rappresenti ed allo stesso tempo sia simbolo dentro la coperta dell’unione delle diversità. Le somma raccolta sarà donata a una o più realtà che risulteranno bisognose. l’Iniziativa è rivolta anche alle scuole che possono sensibilizzare genitori e ragazzi e si concluderà nella IV Domenica di Avvento, così da essere dono di Natale della Comunità per chi lo riceverà.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2019 © avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative