accedi | registrati | 11-7-2020

Monsignor Schillaci si è fermato a parlare con gli ammalati ed i familiari e portando la Comunione nelle stanze di degenza

Diocesi di Lamezia, precetto natalizio nel reparto di Oncologia

di Redazione Web 19/12/2019

Il vescovo della Diocesi di Lamezia Terme, Giuseppe Schillaci, ieri ha celebrato una Messa nel reparto di Oncologia del “Giovanni Paolo II”, fermandosi a parlare con gli ammalati ed i familiari e portando la Comunione nelle stanze di degenza dove si trovano i pazienti allettati. “Vengo con piacere qui in ospedale per tanti motivi – ha detto Schillaci - ed anche perche’ dobbiamo difendere questo presidio affinche’ la Sanita’ abbia il posto che merita”.

Nel corso dell’omelia, poi, ha evidenziato che “stiamo vivendo questi giorni molto significativi che ci preparano al Natale e la Liturgia ci presenta delle invocazioni molto significative. In modo particolare, l’invocazione di oggi e’ bellissima e nasce dal cuore dell’uomo, dal cuore della sposa. Tutti, nel profondo del nostro intimo, chiediamo che il Signore venga perche’ abbiamo bisogno del Signore; perche’ possiamo andare incontro ai bisogni degli altri. Il Signore viene ma noi dobbiamo andare incontro. Oggi – ha aggiunto – e’ l’annunciazione di Giuseppe e Giuseppe si fa vicino, non con le chiacchiere, non con la retorica, ma con la custodia. La paternita’ di Giuseppe, inoltre, ci fa capire che si puo’ far crescere l’altro”. Rivolgendosi agli operatori della Sanita’ li ha ringraziati “per la cura che avete tutti in questa realta’ e dovete fare del vostro meglio. Dio – ha proseguito – e’ con noi e, quindi, viviamo la nostra esistenza con l’essere con gli altri. E viviamola questa solidarieta'! Oggi, in modo particolare, prego per i sofferenti e per chi e’ nei bisogni, ma anche per gli operatori perche’ operino per il bene di tutti. Questo Natale – ha concluso – possa portare in ciascuno di voi e nelle vostre famiglie tanta serenita’ e tanta salute”.

Partecipa alla discussione

Esegui il login

Articoli Correlati

Area Grecanica. I marianisti, custodi dell’antica Amendolea

11/07/2020 - Da Gallicianò a San Carlo fino a Condofuri Marina. La Comunità si è insediata nell’anno 1974 affrontando sia lo spopolamento dell’area che le nuove migrazioni verso paesi esteri. Oggi sono un vero avamposto di fiducia. Nell’area marina tante le attività che coinvolgono la parrocchia. Si sta lavorando a un luogo aperto per la popolazione dove celebrare e fare aggregazione: il desiderio forte di nuovi arrivi che accrescano il gruppo

Prime Comunioni e Cresime, ecco le indicazioni dell'arcivescovo

10/07/2020 - Monsignor Morosini ha scritto una lettera a parroci e fedeli in vista dell'inizio del prossimo anno pastorale. L'invito rimane «ad essere prudenti ed obbedienti al buon senso». Ma rispetto all'amministrazione dei Sacramenti, il presule indica due strade specie per le Prime Comunioni: la prima è di rinviarle al 2021, la seconda celebrarle entro la Solennità del Natale. Per le Cresime non sono arrivate ancora indicazioni dalla Cei.

La preghiera dalle Figlie del Cuore di Maria, «parlaci d'amore»

09/07/2020 - «Ci ottenga lo Spirito d’Amore di imparare ad amare così, per intercessione di de Clorivière. Questa la nostra preghiera per voi, per noi e per tutti», trasmettono le Figlie del Cuore di Maria, che vivono presso il Centro di Spiritualità "Stella Maris" di Reggio

Tag

Chiesa in Calabria Diocesi Lamezia Monsignor Schillaci
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative