accedi | registrati | 27-9-2020

Il presidente emerito della Corte Costituzionale, è intervenuto nel merito dei lavori dell'apertura dell'anno giudiziario del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro

L'invito di Mirabelli: «Aumentare la consapevolezza sociale»

di Redazione Web 04/02/2020

Cesare Mirabelli, presidente emerito della Corte Costituzionale, è intervenuto nel merito dei lavori dell'apertura dell'anno giudiziario del Tribunale ecclesiastico interdiocesano calabro (Leggi quì la cronaca). Il suo intervento, fortemente apprezzato dal qualificato uditorio, si è sviluppando partendo dal titolo scelto dall'insigne giurista: «La tutela dei diritti umani al servizio dello sviluppo integrale della persona».

«La loro importanza, la loro inviolabilità, - ha detto Mirabelli rivolgendosi ai diritti - è l'espressione della dignità dell'uomo, fondamento dei diversi ordinamenti che operano per la loro protezione». Il presidente emerito della Consulta ha proseguito: «La dignità di tutte le persone, di tutti gli appartenenti alla "famiglia umana", come riferiscono le Dichiarazioni internazionali a partire dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948, è il presupposto necessario per la pace e la giustizia tra le nazioni».
 
«Molti aspetti della cronaca potrebbero indurre a un atteggiamento di delusione, ma la speranza c'è così come l'impegno, non solo delle Istituzioni e di chi in esse ha delle responsabilità, ma - suggerisce Mirabelli - direi di tutti. L'opinione pubblica crea la consapevolezza sociale e stimola l'atteggiamento di fratellanza: solo così si potrà determinare un mutamento di scena anche in ambito internazionale. Ciascuno nel suo raggio d'azione deve ispirarsi a questi principi».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative