accedi | registrati | 29-3-2020

Mettere al centro la comunità del Seminario arcivescovile «Pio XI», non soltanto nelle preghiere ma con un contributo sostanziale alla sua crescita

Giornata del Seminario, domenica in preghiera per le vocazioni

di Redazione Web 20/02/2020

Una giornata per mettere al centro la comunità del Seminario arcivescovile «Pio XI», non soltanto nelle preghiere ma con un contributo sostanziale alla sua crescita e agli studi.
Perché la vigna del Signore richiede sempre nuovi operai e se oggi nel mondo si celebrano i sacramenti, si ottiene il perdono dei peccati e si può ricevere l’eucarestia è anche grazie a questi luoghi in parte sconosciuti, dove si formano i futuri sacerdoti. Ecco la giornata del Seminario, prevista per domenica 23 febbraio, settima del tempo ordinario. Una giornata in cui ciascun parroco ha la facoltà di organizzare al meglio sia la sensibilizzazione economica che momenti di catechesi e soprattutto di preghiera che vertano sul senso e sul significato della vocazione, in particolar modo quella alla vita consacrata. La comunità del Seminario (sacerdoti e seminaristi) dal canto suo è disponibile a essere presente nelle diverse comunità parrocchiali, come segno tangibile dell’amore di Dio che va testimoniato ovunque, anche mettendo in comunione i fatti e le chiamate che hanno spinto questi ragazzi a lasciare tutto, la loro vita, gli affetti, un lavoro assicurato magari, per seguire il Signore e diventare annunciatori del Vangelo. «A nome del Rettore e degli altri confratelli educatori – scrive l’economo e vicerettore don Francesco Marrapodi – desidero ringraziare parroci, laici, comunità che in vario modo si stanno prendendo cura della nostra realtà ecclesiale: attraverso la vostra affabile amicizia, in questi anni, abbiamo fatto esperienza della provvidenza di Dio». La comunità del Seminario è composta quest’anno da 32 alunni, di cui otto sono provenienti dal Madagascar secondo accordi presi con la diocesi di quel paese e uno dal Congo.
«Servono oculatezza e sacrifici per non far gravare le nostre necessità sul bilancio generale della Diocesi e senza, tuttavia, far mancare ciò che è necessario al cammino formativo di ciascun seminarista» spiega don Francesco. «La cura e la vicinanza di ciascuno di voi e delle vostre comunità è fondamentale – ripete –. Vi chiedo di mettere al centro della vostra vita comunitaria la preghiera per il nostro Seminario, l’impegno per accompagnare le vocazioni, ma anche la prossimità verso i bisogni dei seminaristi».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative