accedi | registrati | 6-7-2020

Torneremo in edicola, domenica 15 marzo, assieme ad Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani

Domenica in edicola. Covid-19 in Calabria, prevenzione unica via

di Federico Minniti 14/03/2020

Come raccontare il Covid-19 ai nostri lettori? Questo è stato l'interrogativo che ha mosso l'azione della nostra redazione in questa settimana. Accanto all'attività quotidiana del nostro sito d'informazione c'è stato un articolato lavoro per «cucinare», come diciamo nel gergo giornalistico, l'uscita domenica de L'Avvenire di Calabria. Un'uscita insolita, lo ammettiano. Orfani delle nostre parrocchie, dei tantissimi laici abituati a prendere il nostro giornale in fondo alle Chiese ormai chiuse per via di questo virus che sta squassando la normalità di tutti noi.

Abbiamo deciso di andare in edicola per rispetto dei nostri abbonati, fornendo loro un numero fortemente influenzato (ci perdonerete il gioco di parole) dall'incedere dell'epidemia del Coronavirus in direzione Sud. Così accanto al racconto di come le Istituzioni pubbliche si stanno preparando, anche in Calabria, ad arginare il contagio, vi proponiamo tante riflessioni di altra natura: da quella biblica, scritta per noi da don Valerio Chiovaro, a quelle votata al servizio, interpretata dalla penna di don Nino Pangallo. E ancora lo sguardo laico della vicepresidente di Azione Cattolica, Francesca Chirico, alla psicologa - Giusy Zinnarello - che ha investigato sulle paure recondite che ci stanno accompagnando in questi giorni. Fino alla prof di filosofia, Francesca Crisarà, orfana anche lei dei suoi studenti.

Domenica, assieme ad Avvenire, vi proporremo le voci dei vescovi calabresi e, in particolare, l'intervista al pastore della Chiesa di Oppido Mamertina - Palmi, monsignor Francesco Milito che ci mette all'erta di un virus ancora più letale: la solitudine. Tantissimi i temi "collaterali" che troverete sul nostro settimanale, giunto al decimo numero del 2020: l'analisi della situazione dei profughi lungo il confine tra Grecia e Turchia; i paradossi del Welfare calabrese pronto a "cancellare" una legge attesa per 17 anni; un focus sul cammino dei catecumeni nel tempo di Quaresima e l'approfondimento in vista della festa di San Giuseppe del prossimo 19 marzo. 

Vi abbiamo informato e continueremo a farlo, consci che il dovere giornalistico ci chiama a restare in prima linea durante quest'emergenza, la più grave del Dopoguerra nel nostro Paese. Con una novità amara che vogliamo comunicarvi: il 22 e il 29 marzo non uscirà il nostro settimanale «di carta». Una sospensione "subita" dalla chiusura della Chiese e dalla crisi che sta attraversando il nostro sistema produttivo a causa dell'epidemia da Covid-19. Non vi lasceremo soli: i nostri sforzi saranno triplicati. La redazione è già a lavoro per fornirvi un'informazione eticamente corretta e di valore sul nostro sito (avveniredicalabria.it).

Noi faremo la nostra parte, sempre. Voi, però, restate a casa. Per il bene di tutti.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative