accedi | registrati | 30-5-2020

La Protezione Civile ha diffuso il consueto bollettino giornaliero rispetto alla diffusione dell'epidemia

Coronavirus in Calabria, oggi riscontrati 27 casi positivi in più

di Redazione Web 24/03/2020

In Calabria, le ultime 24 ore sono state caratterizzate da un cauto ottimismo. Il picco è stato raggiunto? Gli esperti frenano. Ecco cosa si evince dai numeri del bollettino diffuso dalla Protezione Civile rispetto alla Calabria: i dati forniti e aggiornati sino alle 17 di oggi, 24 marzo, certificano l'accertamento di 319 casi, con una crescita di 27 in più rispetto a ieri sul territorio regionale.

Questa la distribuzione nelle cinque province calabresi:

- Catanzaro: 64 casi di cui 9 in reparto; 12 in rianimazione; 43 in isolamento domiciliare
- Cosenza: 82 casi di cui 35 in reparto; 3 in rianimazione; 39 in isolamento domiciliare; 5 deceduto
- Reggio Calabria: 97 casi di cui 24 in reparto; 4 in rianimazione; 59 in isolamento domiciliare; 5 guariti; 5 deceduti
- Vibo Valentia: 18 casi, di cui 2 in reparto, 1 in rianimazione e 15 in isolamento domiciliare 
- Crotone: 58 casi di cui 18 in reparto; 39 in isolamento domiciliare; 1 deceduto

Nel conteggio sono compresi anche i due pazienti di Bergamo trasferiti a Catanzaro. Rispetto ai soggetti in «quarantena volontaria», la Regione precisa che in Calabria sono 6884 così distribuiti: Cosenza: 1344, Crotone: 699, Catanzaro: 716, Vibo Valentia: 796, Reggio Calabria: 3397. Le persone giunte in Calabria negli ultimi quattordici giorni che si sono registrate al sito della Regione Calabria sono 11.191. 

Crisi all'imbarcadero di Villa San Giovanni: ci sarebbero anche 20 minori bloccati. 
Tensione alle stelle questa notte a Villa San Giovanni, dove una quarantina di autovetture, non in regola con le autorizzazioni per transitare in Sicilia sono state bloccate nel piazzale Anas. Si tratta di circa 80 persone, con 20 minori al seguito che hanno passato la notte nelle autovetture, decidendo poi di bloccare anche i tir che avrebbero dovuto proseguire il loro viaggio per il trasporto delle merci. Sono stati assistiti dal personale del Comune di Villa San Giovanni che ha portato loro cibo e generi di prima necessità. Già da questa notte le forze di polizia in assetto antisommossa si sono posizionate a distanza di sicurezza.

Un altro morto a Reggio; l'amaro computo sale a 11 vittime in Calabria. È morta nelle prime ore di oggi la quarta vittima di coronavirus a Reggio. Si tratta di un uomo della zona Sud della città di Reggio ricoverato da qualche giorno e con un quadro clinico piuttosto complesso. Sono in totale 11 i i decessi provocati da Covid-19 in Calabria. Gli ultimi in ordine cronologico sono un uomo di 75 anni di San Lucido ricoverato in rianimazione all'Ospedale "Annunziata" di Cosenza a cui si aggiungono, una donna di 57 anni originaria di Corigliano-Rossano e morta all'ospedale di Cetraro, dove era ricoverata da qualche giorno, e un uomo di 62 anni di San Lucido ricoverato nel nosocomio di Cosenza con gravissimi problemi respiratori. L'uomo era entrato in contatto con le prime due vittime di San Lucido, centro del Tirreno cosentino dichiarato "zona rossa" dalla Regione Calabria.

In breve. Ecco tutte le notizie d'interesse per l'area metropolitana di Reggio Calabria: 
  • L'idea dell'Asp reggina: ricoveri ordinari presso le strutture private. La Commissione straordinaria dell'Asp «ha preso atto del grande senso di responsabilità e della disponibilità offerta dai rappresentanti delle strutture private per far fronte – ognuno per la propria sfera di competenza e professionalità - alle misure urgenti in materia di contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 e, si è convenuto, di sottoscrivere un accordo quadro per meglio declinare, - con le stesse strutture private - la disponibilità di posti letto, di sale operatorie e di percorsi diagnostici per i pazienti no Covid al fine di decongestionare i presidi ospedalieri dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria».
  • La precisazione della MetroCity: accompagnatori dei disabili possono uscire di casa. «Con un certificato medico i pazienti affetti da disturbi autistici o da altre gravi disabilità possono uscire da casa, anche con un accompagnatore, senza dover temere i controlli». Così, il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà ha risposto all’appello lanciato da alcune famiglie con al loro interno persone – anche minori – affette dallo spettro autistico costrette a vivere, con ancor più disagio, le limitazioni imposte dall’emergenza Coronavirus.
  • L'annuncio dei sindacati. Disposta la chiusura delle aree di rifornimento. «Noi, da soli, non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio. Di conseguenza gli impianti di rifornimento carburanti semplicemente cominceranno a chiudere: da mercoledì notte quelli della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali; e, via via,tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria». Lo annunciano in una nota congiunta i sindacati dei benzinai Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio.
  • Psicologi in azione al Gom, sono al servizio di medici e infermieri. La Direzione Aziendale del G.O.M., di concerto con l’Ordine degli Psicologi della Calabria, ha attivato un servizio di counseling gratuito per tutti i dipendenti dell’Azienda  al fine di prevenire e trattare episodi di stress da lavoro-correlato. La misura si è resa necessaria alla luce dell’assoluta consapevolezza che non è possibile lasciare soli gli operatori sanitari che sono in prima linea nella dura battaglia contro il Coronavirus.
  • Dalla Zona Rossa. Il Comune di Montebello Jonico vuole il censimento dei tamponi effettuati. L’amministrazione comunale di Montebello Ionico, guidata dal vice sindaco Caterina Chiara Macheda, ha chiesto alle istituzioni competenti (Prefettura, Protezione civile e Asp) di avere gli elenchi di censimento dei tamponi diagnostici effettuati sui cittadini del comune ed i relativi risultati.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative