accedi | registrati | 2-6-2020

L’Agenzia del demanio ha avviato 130 iniziative

La spending review coinvolge uffici pubblici calabresi

di Francesco Bolognese 12/01/2017

Incompiute e sprechi sono in netta antitesi con il “buon andamento” dell’azione amministrativa, di cui c’è traccia nella Costituzione italiana. La “geografia” dell’inerzia italiana è ampia, variegata, da Trento a Mazara del Vallo ci sono tutte o quasi le regioni italiane. Di “spending review”, ossia la rivisitazione della spesa pubblica al fine di ottimizzarla e renderla più aderente alle esigenze in corso, non si parla quasi, soprattutto “sotto elezioni”. Tuttavia qualcosa sembra muoversi, pur tra non poche difficoltà. A promuoverla è l’Agenzia del Demanio, che ha messo online 130 iniziative in corso per riqualificare le sedi degli uffici pubblici. “L’attuazione complessiva dei piani di razionalizzazione a cui l’Agenzia del Demanio lavora dal 2015 consentirà di raggiungere entro il 2021 un risparmio a regime di circa 200 milioni di euro l’anno. Il piano di investimenti per realizzare i lavori di riqualificazione degli uffici pubblici, per renderli più efficienti, ottimizzando spazi e costi, prevede di utilizzare nei prossimi 5 anni 1,2 miliardi, degli 1,4 già impegnati. Tra le operazioni più significative emergono i cosiddetti Federal Building, attualmente 34 in tutta Italia: grandi edifici, come ex-caserme o ex-carceri, che verranno riqualificati per realizzare, in un’unica sede, poli amministrativi in cui raggruppare gli uffici pubblici e accorpare così i servizi ai cittadini. Con il Federal Building, oltre ad utilizzare grandi spazi pubblici spesso non impiegati e in progressivo stato di degrado, si garantisce una significativa riduzione delle spese di gestione e della bolletta energetica.” C’è anche lo stivale d’Italia nei “130 piani di razionalizzazione”, con i seguenti otto interventi: gli uffici del ministero delle politiche agricole e del comparto giustizia ubicati in Cosenza, le sedi del ministero del lavoro ed Agenzia entrate di Crotone, le sedi della G di F. ed il nuovo polo del ministero della giustizia di Catanzaro, le sedi del ministero dell’interno e della prefettura di Vibo Valentia, il comparto giustizia e beni culturali siti in Reggio Calabria. Le operazioni di “FEDERAL BUILDING” in riva allo Stretto prevedono, tra l’altro: “la conclusione da parte del Comune di Reggio Calabria dei lavori di costruzione del Nuovo Palazzo di Giustizia con conseguente risparmio dei canoni attualmente corrisposti dagli uffici giudiziari per l’utilizzo di immobili di proprietà privata e l’utilizzo di altri due immobili confiscati già destinati al Ministero della Giustizia; per il comparto culturale, la rifunzionalizzazione di un immobile di proprietà dello Stato Ex Caserma Duca D’Aosta che verrà destinato a sede di uffici pubblici con conseguente risparmio dei canoni attualmente corrisposti per l’utilizzo di immobili di proprietà privata.”.

Partecipa alla discussione

Esegui il login

Articoli Correlati

Tag

Pubblica Amministrazione Spending Review
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative