accedi | registrati | 19-9-2020

La proposta consiste nell’allestimento in determinate aree della città (piazze, marciapiedi e ztl da stabilire) di spazi da riorganizzare con posti a sedere

Reggio, riparTiAmo: un progetto per rilanciare locali e socialità

di Redazione Web 06/05/2020

«Nascere non basta. È per rinascere che siamo nati. Ogni giorno» recita un celebre verso di Pablo Neruda. L’emergenza Covid-19 ha piegato il tessuto economico-sociale di Reggio Calabria, messo a dura prova la resistenza economica di imprenditori e commercianti. Serve una ripresa forte e immediata, un impulso che permetta alla città di svegliarsi dal torpore forzato.

Con queste intenzioni nasce il progetto “Reggio, riparTiamo” lanciato dal “Comitato Spinoza - La fabbrica del futuro”. Di cosa si tratta? Di salvaguardare attraverso una serie di iniziative le attività ristorative reggine e rilanciare la socialità, permettendo ai cittadini di poter ritrovare abitudini e svago di un tempo.

La proposta consiste nell’allestimento in determinate aree della città (piazze, marciapiedi e ztl all’uopo stabilite) di spazi da riorganizzare con posti a sedere, così da poter effettuare il servizio dei pubblici esercizi all’esterno del locale.
Il progetto “Reggio, riparTiamo” non può che considerare con la massima attenzione le disposizioni ministeriali riguardo le distanze e le regole da rispettare per contrastare la diffusione del Covid-19. Per queste ragioni è prevista l’organizzazione di percorsi prestabiliti e altre misure messe in campo per evitare il rischio contagio.

I titolari della attività di ristorazione presenti a piazza Carmine e piazza Duomo hanno aderito con il massimo entusiasmo all’idea progettuale e delegato Sasha Sorgonà (ideatore di Spinoza e presidente dei giovani di Confcommercio) per portarne avanti la realizzazione in tempi rapidi.  

«L’obiettivo - spiega Sorgonà - è rendere sicuro il servizio degli esercizi commerciali disincentivando eventuali e probabili assembramenti nelle abitazioni private. Con l’intenzione e la speranza di poter passare dalla teoria alla pratica, ho chiesto un incontro al sindaco Falcomatà per poter spiegare nel dettaglio la proposta. Serve il supporto dell’amministrazione comunale per la concessione del suolo pubblico e snellire i tempi burocratici, i commercianti - sottolinea l’ideatore di Spinoza - hanno bisogno di sostegno immediato».

«Diverse importanti città europee si stanno riorganizzando in tal senso, con ampi “dehors” che permettono alla popolazione di poter socializzare e alle attività ristorative di lavorare con il pieno rispetto delle normative. Per quantità e ampiezza di spazi pubblici e per il meraviglioso clima che ci accompagnerà nei prossimi mesi, Reggio Calabria è il luogo ideale dove poter attuare le medesime idee».

Piazza Duomo e piazza Carmine rappresentano soltanto l’inizio: “Reggio, riparTiAmo” infatti nasce con la volontà di sfruttare nella totalità gli spazi che si prestano alla realizzazione dell’iniziativa, luoghi presenti non soltanto nel centro storico ma anche nelle periferie reggine.
Ristorazione ma anche cultura ed eventi, cosi l’intrattenimento diventa totale. Nelle intenzioni del progetto infatti rientra anche l’organizzazione di un pannello di eventi, coadiuvato dalle diverse associazioni culturali del territorio.

«Ringrazio i commercianti di piazza Carmine e piazza Duomo per aver sposato in pieno il progetto, invito tutti gli imprenditori reggini e le associazioni di categoria ad unirsi a questa iniziativa. Bisogna ripartire, per farlo servono unità d’intenti e spirito d’iniziativa. Adesso è arrivato il momento di rinascere, Reggio Calabria - conclude Sorgonà - può diventare un grande centro di attrazione all’aperto».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative