accedi | registrati | 19-9-2020

Protesta di sindacati e cooperative nei confronti dell'Asp di Reggio Calabria

Servizi psichiatrici, i dipendenti senza stipendio da 5 mesi

di Redazione Web 06/05/2020

La CISL-FP e le Centrali Cooperative segnalano per l’ennesima volta la precaria situazione economica in cui versano le cooperative che gestiscono servizi essenziali all’interno delle residenze psichiatriche a causa del ritardo con cui la struttura commissariale che gestisce l’ASP di Reggio Calabria liquida le fatture.

Un ritardo intollerabile e incomprensibile, dal momento che il Dipartimento di Salute Mentale sembra abbia disposto la liquidazione dei primi tre mesi del 2020.

Tutto ciò non consente il pagamento degli stipendi agli operatori, fermi al dicembre 2019.

In un momento così delicato ci si aspetterebbe sensibilità, umanità e responsabilità dalla Commissione Straordinaria che ormai da tempo gestisce l’ASP di Reggio Calabria ma, a quanto pare questi tre aggettivi, non fanno parte del loro DNA e, pertanto, considerano i crediti vantati dalle cooperative come mere fatture commerciali e non come erogazione di servizi a persone in difficoltà, da considerare come prioritari rispetto alla semplice fornitura di merce.

Nonostante gli operatori delle strutture psichiatriche residenziali siano sempre rimasti al loro posto, tutelando come sempre con amore e professionalità i degenti loro affidati, ebbene, tutto questo per la Commissione non basta per far sì che vengano regolarmente erogati i pagamenti alle cooperative che gestiscono il servizio.

È tollerabile che, in un settore così delicato e in un momento così critico, si percepisca lo stipendio ogni tre-quattro mesi? Come fanno a non pensare questi signori che la sopportazione non abbia un limite?

Con l’ultimo pagamento percepito a gennaio, e relativo al servizio svolto nel 2019, gli operatori sono alla fame. E al danno anche la beffa, dal momento che i lavoratori, in quanto ufficialmente occupati, non hanno neanche diritto agli interventi di compensazione che il governo ha messo in campo per sostenere tutti coloro danneggiati dalla pandemia.

Si percepisce nell’aria come la situazione stia precipitando, dal momento che la disperazione per i mancati e legittimi introiti ormai deborda.

Siamo a maggio e la commissione si appresta ad autorizzare il solo pagamento del mese di gennaio 2020, avendo deciso di pagare tutte le fatture in ordine cronologico, equiparando così servizi essenziali rivolti alla disabilità psichiatrica alla semplice fornitura di merci e materiali. Tutto ciò è inaccettabile e richiede la messa in campo di azioni di protesta per il giusto riconoscimento di quel salario che non può essere erogato poiché l’ASP di Reggio Calabria, è bene dirlo, ha deciso di affamare i lavoratori e le loro famiglie.

Da più parti è stato richiesto a tutte le pubbliche amministrazioni di procedere con il pagamento dei debiti pregressi della pubblica amministrazione, proprio come misura di sostegno ad imprese e lavoratori impegnati in questa drammatica epidemia e al fine di ridurre i disagi della popolazione intera.

Ma la commissione che gestisce l’ASP di Reggio Calabria è sorda e rischia di esasperare un malcontento che ormai è sottotraccia da molto tempo e cova un disagio che rischia di esplodere.

Le centrali cooperative e i sindacati denunciano tale preoccupante situazione e preannunciano iniziative di lotta democratica, con azioni di sciopero bianco e di interruzione dei turni notturni presso le predette strutture.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative