accedi | registrati | 6-8-2020

Le spiagge della costa ionica reggina sono da anni ormai posto prediletto dalla natura per la nascita dei piccoli di Caretta caretta

L'estate che avanza riporta la passione per le tartarughe marine

di Redazione Web 11/05/2020

L’estate ormai alle porte secondo natura al di là dell’emergenza Coronavirus per gli umani, riporta sulle nostre coste la magia e l’impegno per la salvaguardia delle tartarughe Caretta caretta.

Brancaleone con il suo ospedale veterinario dedicato, nella vecchia stazione (Centro Recupero Tartarughe Marina di Brancaleone), dai diversi anni con la sua associazione Caretta Calabria Conservation, rappresenta un punto di riferimento per quanti ritrovano esemplari in difficoltà rinvenuti nell’area calabrese e dello Stretto di Messina. Un lavoro intenso che è divenuto passione per molte famiglie che ogni estate accompagnano i propri figli in spiaggia per attendere la schiusa delle uova sotto le stelle.

I nidi sono ovviamente a rischio oltre che per altri animali anche e soprattutto per poter essere inavvertitamente calpestati, come hanno imparato bene i residenti e vacanzieri della jonica reggina, meta prescelta dalle Caretta caretta per deporre le proprie uova. Tracce “invisibili” che i volontari intercettano e mettono al sicuro con dei veri e propri corridoi verso il mare per i piccoli. Ovviamente l’attesa non è mai breve e per giorni è guardia notte e giorno ai siti.

«Solo in Italia – fa sapere l’associazione ambientalista Legambiente - sono più di 10mila le tartarughe marine che ogni anno muoiono a causa di catture dopo essere rimaste impigliate nelle reti da pesca o catturate dagli ami utilizzati per la pesca al pescespada. A queste si aggiungono quelle che sono vittime del traffico nautico e dell’inquinamento e dalla plastica che molto spesso viene ingerita da questi animali provocandone il soffocamento».

Legambiente in questi giorni ha lanciato una campagna di adozione simbolica delle tartarughe marine curate nei centri di recupero della sua associazione: “Tartalove”

Partecipa alla discussione

Esegui il login

Articoli Correlati

Positivi i risultati della Goletta dei Laghi in Calabria

04/08/2020 - Per la prima volta la Goletta dei Laghi si reca sui laghi Arvo e Cecita, in Calabria, e dalle analisi microbiologiche non è stata rilevata alcuna criticità derivante dalla presenza di scarichi fognari non adeguatamente depurati. Legambiente: «Dati positivi ma è necessario tutelare più intensamente le meravigliose diversità di questi luoghi che possono rappresentare una giusta ripartenza per l’economia del territorio realizzando quella svolta verde di cui la Calabria ha urgente bisogno»

Emergenza incendi, Legambiente: poca prevenzione e controlli

03/08/2020 - L’Italia brucia per mano dell’uomo. I roghi scoppiati sono spesso di natura dolosa e criminale, appiccati per fini speculativi, compresi quelli di poco valore, come la ripartenza del pascolo, o per ripicche tra privati o verso la pubblica amministrazione. Bruciare le aree verdi e parte di quel patrimonio paesaggistico e boschivo di cui è custode la Penisola non porterà nessuna ricchezza, ma solo perdite e desolazione sotto il profilo ambientale, paesaggistico ed economico.

La Goletta dei Laghi di Legambiente è in Calabria

03/08/2020 - Scarichi non depurati e inquinanti, abusivismo, rifiuti e microplastiche nelle acque non risparmiano i bacini lacustri e i loro preziosi ecosistemi, al centro della campagna che guarda anche alle realtà virtuose per una ripartenza turistica green

Tag

Legambiente Caretta caretta Brancaleone
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative