accedi | registrati | 4-7-2020

Le richieste di cibo sono aumentate del 20% su tutto il territorio nazionale, con punte fino al 40% al Sud, ha spiegato Giuseppe Bognoni

Sinergia solidale tra Confindustria, Ammi e Banco Alimentare

di Redazione Web 12/05/2020

Un’iniziativa di solidarietà, con la fornitura di generi di prima necessità a favore di famiglie indigenti, ha visto protagonisti il Banco alimentare di Reggio Calabria, il Gruppo giovani imprenditori della Confindustria territoriale e la sezione provinciale dell’Associazione mogli medici italiani (Ammi). Un impegno comune per il tessuto sociale dell’area metropolitana reggina, oggi costretto a fare i conti con una grave crisi economica scaturita dall’emergenza sanitaria del coronavirus e con il diffondersi di sacche di povertà e disagio. I giovani imprenditori hanno donato prodotti delle loro imprese, istituito all’interno delle aziende punti di raccolta per generi di prima necessità e devoluto i proventi di una raccolta di fondi per l’acquisto di prodotti per l’infanzia.

«E’ un piccolo gesto di solidarietà, una goccia nel mare del bisogno» commenta il presidente del Gruppo giovani imprenditori, Umberto Barreca, il quale ringrazia «i colleghi ma anche i cittadini che, mossi da sensibilità personale, hanno inteso contribuire ad alleviare le difficoltà e le sofferenze di interi nuclei familiari. E’ un momento difficile per la nostra comunità ed è necessario compiere uno sforzo soprattutto a favore del mondo dell’infanzia».

«L'Ammi - dichiara la presidente Mariella Libri Costantino - in questo periodo di gravi difficoltà economiche e sociali estremizzate dalla pandemia di coronavirus, dove le necessità di sopravvivenza sono quelle che ogni giorno si evidenziano maggiormente, in quanto il divieto di spostarsi e il fermo delle attività produttive ha ridotto sul lastrico molte famiglie, ha accolto la segnalazione di Confindustria Reggio, partecipando alla catena di solidarietà. Una lodevole iniziativa del Banco alimentare, che da anni opera silenziosamente contro l'indigenza diffusa, che in questo momento storico si è notevolmente aggravata. Per la nostra associazione è stato motivo di orgoglio sostenere una così grande opera meritoria portata avanti dal Banco alimentare».

«La catena della solidarietà non si ferma. Oggi più che mai, non possiamo lasciare solo nessuno - spiega Giuseppe Bognoni, responsabile del Banco alimentare di Reggio Calabria. Le richieste di cibo sono aumentate del 20% su tutto il territorio nazionale, con punte fino al 40% al Sud. Proprio per questo, iniziative come quella del Gruppo giovani imprenditori di Confindustria e dell'Associazione mogli medici italiani fanno la differenza. Un enorme grazie di cuore per la donazione di prodotti alimentari che ci permettono di aiutare delle famiglie in difficoltà. Insieme alimentiamo la speranza».

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative