accedi | registrati | 20-10-2020

Venerdì 22 maggio in diretta facebook interverranno alcuni dei protagonisti del cammino avviato con «Liberi di scegliere»

Alleanze Educative saluta il presidente Di Bella

di Redazione Web 21/05/2020

Il presidente del Tribunale per i minorenni Roberto Di Bella sta per lasciare la sede di Reggio Calabria dove in tanti anni di attività ha lasciato una impronta importante, soprattutto con il programma “Liberi di scegliere”. Una sperimentazione che permesso di offrire a tanti minori appartenenti a contesti familiari e sociale di ‘ndrangheta, opportunità di sperimentare una vita diversa. Un lavoro importante che può e deve continuare valorizzando tutta quella rete istituzionale e sociale che il Tribunale per i minorenni ha saputo attivare e coinvolgere in questa sua attività. In particolare il mondo scolastico e le associazioni che sia a livello nazionale che locale sono stati determinanti nel raggiungimento di importanti risultati di recupero dei ragazzi ma anche di un cambiamento culturale su un tema difficile che spesso ha visto le istituzioni soccombenti.

Per ricordare il lavoro svolto e per salutare il Presidente che va via la rete delle Alleanze Educative ha deciso di organizzare una video conferenza sulla sua pagina facebook Alleanze Educative Reggio Calabria per venerdì 22 maggio alle ore 20:00. Interverranno alcuni dei protagonisti del cammino avviato con “Liberi di scegliere”. Oltre a Di Bella porteranno la loro testimonianza l’avv. Enza Rando vice presidente nazionale di Libera che ha coordinato i programmi di tutela e di accoglienza dei minori e delle donne che hanno rotto con i clan, il Questore Maurizio Vallone, le dirigenti scolastiche del Piria, del Panella Vallauri, del Liceo Volta, del Fermi Boccioni, del Telesio Montalbetti, del Falcomatà di Archi e la testimonianza di uscita dalla ndrangheta di Giosuè D’Agostino.

Dopo il saluto di Paolo Cicciù coordinerà la diretta Mimmo Nasone area nazionale giustizia di Libera. Il presidente Di Bella nell’aderire all’iniziativa ha affermato: «la rete di alleanze educative deve continuare a sensibilizzare soprattutto gli studenti. Bisogna agire sui ragazzi facendo una educazione mirata. Il libro l’ho scritto proprio con questo obiettivo. Non per parlare di principi astratti di legalità, ma di storie in cui i ragazzi potrebbero rispecchiarsi. È un po' il mio lascito affettivo, culturale ed emotivo ad un territorio che mi ha fatto soffrire ma che dopo 25 anni, amo profondamente e che mi dispiace lasciare».

Per Di Bella continuare con “Liberi di scegliere”, in questo momento storico di crisi causato dal Covid-19, è ancora più importante perché è aumentata tantissimo la platea dei minori che vivono un disagio scolastico e sociale che rischiano di essere intercettato dalle organizzazioni criminali.

Partecipa alla discussione

Esegui il login
Copyright 2016-2020 ©avveniredicalabria.it | Tutti i diritti sono riservati | Responsabile: Davide Imeneo
Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova | Via Tommaso Campanella, 63 – 89127 Reggio Calabria
Credits Web Agency a Reggio Calabria - Arti Creative